Addio improvviso a Roberto Fassina, leggenda del curling e storico imprenditore di Cortina

Sabato 21 Gennaio 2023 di Giuditta Bolzonello
Addio a Roberto Fassina

CORTINA - Cortina perde uno degli imprenditori più impegnati a garantirle lo stile che l’ha resa famosa nel mondo. Roberto Fassina è morto ieri a 72 anni, una fine tanto improvvisa quanto prematura che addolora l’intera comunità. La notizia del decesso si è diffusa con rapidità nel pomeriggio, che le sue condizioni fossero molto serie lo si era capito da qualche settimana e poi la notizia della morte all’ospedale di Pieve di Cadore. Lo ricordano i tanti amici, soprattutto quelli del curling, «perdiamo un grande amico del curling italiano e internazionale, la sua simpatia, la sua cordialità e la sua amicizia ci hanno accompagnato per tantissimi anni, un sicuro esempio di “spirit of curling”, una persona meravigliosa».

Roberto Fassina è stato uno dei fondatori del curling a Cortina, il suo team era il Curling Club 66 Cortina, evidente l’anno di fondazione, ha partecipato a diversi campionati europei, poteva vantare 10 presenze in azzurro; il suo miglior risultato da atleta l’ha avuto nel 2005 ai mondiali senior a Greenecres in Scozia dove aveva ottenuto la 13° posizione. Ma al di là dei risultati era lo spirito di aggregazione e condivisione che lo hanno fatto sempre apprezzare da colleghi e rivali sportivi. Alessandro Zisa del curling ampezzano e consigliere comunale: «Ci è sempre stato vicino, anche quando non era più attivo si informava, ci seguiva, ci spronava. Era una bella persona, lascia un vuoto importante di amicizia, di sport, di condivisione, se n’è andato troppo presto».

Roberto Fassina - sposato con una sandonatese - aveva un’altra, grande passione, le competizioni automobilistiche di rally che l’hanno visto protagonista tra gli anni settanta e ottanta, sia come pilota sia come navigatore. Nel 1980 ha fatto parte della squadra ufficiale del Ford Rally Team. Ma oltre alle passioni c’era l’impegno per il sociale negli anni scorsi con la Croce Bianca e il lavoro. Portava avanti, prima con il padre ed ora con uno dei due figli, il negozio di abbigliamento che era punto di riferimento per la moda, per l’eleganza maschile nella Cortina degli anni ruggenti. Lo storico negozio che apriva lo struscio dell’isola pedonale verso nord frequentato dagli ospiti, anche illustri, come dai residenti. In anni più recenti, mancato il padre, aveva spostato l’attività in via Cesare Battisti dove aveva allestito una nuova boutique con proposte più moderne, giovanili. Sorridente ed elegante è stato sempre cordiale e disponibile, e non mancava di partecipare alle iniziative per riportare Cortina ai fasti del passato impegnandosi con le varie organizzazioni di categoria. I funerali si celebreranno lunedì 23 gennaio alle 15 in Parrocchia, il santo rosario sarà recitato domenica sera alle 20 in Basilica. 

Ultimo aggiornamento: 21:55 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci