Nella rapina le strappa anche i capelli: fermato un 22enne

PER APPROFONDIRE: arrestato, belluno, capelli, centro, migrante, rapina
Via san Pietro dove è avvenuta la rapina
BELLUNO - Erano le 22 di sabato 11 agosto quando la ventenne stava passeggiando in pieno centro: mai si sarebbe immaginata di trovarsi a tu per tu con un violento aggressore. Un 22enne richiedente asilo si è avventato contro di lei e per strapparle la borsa le ha portato via anche una ciocca di capelli. Le urla della ragazza hanno richiamato i residenti che hanno chiamato il 112. Sul posto una pattuglia del Radiomobile della Compagnia di Belluno, diretta dala capitano Emanuela Cervellera. E' nato un inseguimento e alla fine il profugo è stato fermato in stazione, dove si è arreso, non senza difficoltà. L'uomo, arrestato in flagranza, è stato portato in carcere a Baldenich. E' in Italia da alcuni anni: la sua richiesta di protezione internazionale è stata respinta, ma ha presentato ricorso e ne attende l'esito.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 12 Agosto 2018, 18:34






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Nella rapina le strappa anche i capelli: fermato un 22enne
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 26 commenti presenti
2018-08-13 19:34:30
Dobbiamo anche mantenere persone che ci ammazzano, stuprano e derubano, che vendono ai nostri figli la morte, cioe' la droga. Mai successo nella storia.
2018-08-13 15:32:28
Da barzelletta...vuole la protezione internazionale...quindi chi ci protegge da lui...hahaha...
2018-08-13 16:40:20
Ha fatto ricorso e l'avvocato lo paghiamo noi...
2018-08-13 14:50:26
Via dall'Italia tutte le persone che non hanno diritto a rimanere qui!!! Ormai è diventato impossibile camminare la sera senza correre il rischio di essere rapinati e/o malmenati. Servono leggi più dure e chi delinque ci deve rimanere in carcere non uscire dopo pochi giorni altrimenti possiamo pure togliere le forze dell'ordine dalle nostre strade.
2018-08-13 14:36:52
avete dormito per quasi 10 anni 2008-2018 (per non parlare di prima), e ora vi chiedete "ma non si può più stare tranquilli neanche a Belluno?" E no care signore e cari signori, troppo comodo, ora, stare tranquilli. State un poco agitati.