Stop per covid, ora la mostra internazionale del gelato torna in presenza. E sarà plastic free

Giovedì 7 Ottobre 2021 di Federica Fant
L'edizione del 2019 della Mostra internazionale del gelatp

LONGARONE - La Mig torna in presenza il 28 novembre. E diventerà “Plastic free”. In 60 anni di storia la manifestazione di Longarone non era stata sospesa nemmeno nel 1963 con il disastro del Vajont, Il primo stop è arrivato solo lo scorso anno per la pandemia da Covid. Quest’anno la Mostra internazionale del gelato, che giunge così alla sua 61ª edizione, e sarà la prima in presenza dopo il periodo Covid è la prima in assoluto senza plastica. Non sono finite le novità: cambiano anche le modalità di visita, l’organizzazione degli spazi espositivi e i contenuti per presentare il gelato in un mondo in forte evoluzione. Ma non solo gelato, grande spazio in fiera quest’anno per il cioccolato, il protagonista in gelateria d’inverno.

IL PRESIDENTE 
Gian Angelo Bellati, presidente di Longarone Fiere Dolomiti, sottolinea come «la Mig riparte perché tutto il settore del gelato artigianale ha bisogno di un messaggio di forte di rinascita e ottimismo dopo il dramma che abbiamo vissuto. E nonostante l’emergenza sanitaria non sia completamente terminata con indubbie difficoltà organizzative per tutti, il nostro motto è: insieme per ripartire con nuovi progetti e nuovi investimenti». 

IL COORDINATORE
E Dario Olivier, coordinatore di questa edizione della Mig e presidente di Uniteis – l’associazione dei gelatieri italiani in Germania – aggiunge che «la Mig è il salotto buono del gelato, dove da sempre gelatieri e aziende del settore si incontrano. In questa edizione, completamente nuova, l’obiettivo è dare servizi concreti al comparto e aiutare a concludere collaborazioni necessarie per garantire la continuità al mondo del dolce freddo».

LA LOGISTICA
Tre saranno i cardini del rilancio della fiera storica, per dimostrare come gli strumenti proposti rispondano alle esigenze del mercato e per far incontrare domanda e offerta in un contesto innovativo e favorevole al business. Appuntamento dal 28 novembre al 1° dicembre. La prima novità in assoluto sarà la distinzione degli spazi espositivi tra il settore degli addetti ai lavori e il settore aperto al pubblico. L’obiettivo è tutelare la salute delle persone da possibili nuovi contagi causati da assembramenti; poi permettere alle aziende, che espongono in fiera, di lavorare in un ambiente meno caotico e di sfruttare al meglio il tempo a disposizione per concludere serenamente più contratti. E per garantire al pubblico la tradizionale esperienza della degustazione in un nuovo spazio aperto alle famiglie, alle scuole e ai visitatori. In secondo luogo, la Mig 2021 sarà un evento che cambierà il concetto di sostenibilità in gelateria. La fiera sarà vetrina espositiva reale del futuro in gelateria: niente plastica monouso, utilizzo di materiali solo naturali negli stand, rintracciabilità degli ingredienti e prodotti certificati, presentazione di moderni macchinari, che riducono drasticamente i consumi di energia e acqua oltre alle emissioni di C02. Alla parte espositiva si aggiunge un programma – senza precedenti – di consulenza mirata da parte di tecnici ed esperti provenienti da Germania e Italia.

Ultimo aggiornamento: 08:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA