Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Studenti bloccati dal Covid, la maturità slitta a settembre

Giovedì 23 Giugno 2022
Esami di maturità

BELLUNO - A dettare i tempi è ancora il Covid. Anche per gli esami di Stato. Ieri, 22 giugno, gli studenti bellunesi hanno sostenuto la prima prova della Maturità con le tracce arrivate dal Ministero e scaricate contestualmente in tutta Italia dopo le 8,30. Ma non tutti hanno potuto presentarsi. Una decina, infatti, è stata costretta a casa perché ha contratto il Covid. E siccome quest'anno il numero complessivo dei maturandi è di 1.508, vuol dire che al momento in provincia di Belluno gli studenti positivi al Covid sono pari allo 0,7%.

I CONTAGI
Il dato tuttavia potrebbe anche salire nei prossimi giorni, visto che la curva dei contagi si sta di nuovo impennando: come da report di azienda zero diffuso ieri, in provincia, i bellunesi attualmente positivi sono 1514 ed in sole 24 ore c'erano stati 195 nuovi casi. Ma maturità ai tempi del Covid, vuol dire anche prevedere un piano B. Così le indicazioni messe a punto e diffuse dal Ministero dell'Istruzione e che poi, a cascata, ogni Ufficio Scolastico Regionale e Provinciale ha fatto proprie, prevedono una road map che i vari presidenti istruiti in appositi incontri preparatori su questo argomento e su tutta la procedura da seguire - dovranno poi applicare.

ESAME-BIS
I candidati che ieri non erano presenti alla prova d'apertura degli esami, cioè il compito di italiano, e quelli che mancheranno oggi in occasione della seconda prova, recupereranno le prove mercoledì 6 e giovedì 7 luglio prossimi. Ma se nemmeno per questa data uno o più candidati non dovessero essersi negativizzati, allora la prima e la seconda prova sarà fissata per settembre. Un disguido non da poco. Soprattutto per gli studenti che nel frattempo non potranno sostenere i diversi test d'ingresso alle diverse facoltà universitarie ed iscriversi, perché sprovvisti del diploma. Ma un fastidio anche per le singole commissioni costrette a riunirsi nuovamente, fosse anche per un unico studente, nel mese di settembre. Superato questo scoglio, e recuperate le prime due prove, a seguire e sempre rispettano il limite di 48 ore dopo la pubblicazione dei risultati degli scritti, per loro avrà il momento dei colloqui orali. Sono queste le cosiddette prove suppletive. Se invece un candidato risultato positivo al Covid non potrà presentarsi in commissione per l'orale, allora, a discrezione del presidente, il suo colloquio potrà essere collocato al termine delle prove dei suoi compagni di classe o addirittura dell'intera commissione. Ma se anche questo salvagente dovesse dimostrarsi inefficace, allora l'ultima opzione è quella che garantirà allo studente o alla studentessa che rimangono positivi di svolgere in modalità online, appendice della cosiddetta Didattica a distanza.

LA MACCHINA
In provincia il Covid non ha interessato invece nessuno dei 45 presidenti della altrettante commissioni insediatesi lunedì scorso, mentre ha toccato alcuni insegnanti. In questo caso è stato ciascun Istituto a dover provvedere alla sostituzione con un collega naturalmente insegnante della stessa disciplina - della persona risultata positiva. Oggi quindi sarà il momento della seconda prova e di una nuova verifica di eventuali nuovi casi di positività che costringerebbero le commissioni ad attivare le procedure previste e a rivedere e riformulare i calendari già fissati. Sempre oggi è anche la giornata della seconda prova che è diversa per ogni indirizzo e che viene formulata dalla commissione. Poi da domani il via alle correzioni e, 48 ore dopo la pubblicazione dei risultati, ma senza considerare in questo computo la domenica, prenderanno il via le prove orali con, di norma, 5 candidati a giornata. L'elenco degli studenti comincerà ad essere scorso non dall'inizio, ma dalla lettera che la commissione ha estratto a sorte nel corso della prima giornata in cui si è ritrovata a lavorare, cioè il giorno dell'insediamento.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci