Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Marmolada. La testimone: «Quel rumore mai sentito e la folata di vento. C'erano cento persone, anche un bambino»

Lunedì 4 Luglio 2022 di Redazione web
Marmolada. La testimone
4

Il giorno dopo la tragedia della Marmolada, si continua a scavare. A venire giù sarebbe stata proprio una parte della cima della Marmolada, un ghiacciaio di centinaia di anni a tremila metri di altezza. Tra le testimonianze, quella di un'escursionista in cordata che ha assistito alla tragedia della Marmolada. «Ho attaccato la normale verso le 8.30 e siamo saliti, c'erano un sacco di persone, forse un centinaio, anche un bambino che avrà avuto sui 12 anni, e alcune sul sentiero attrezzato che sale sulla Spalla dell'Asino e probabilmente sono quelle rimaste sotto».

A parlare, l'escursionista Alicia Chiodi. All'attacco del nevaio l'escursionista ha incontrato un'altra cordata: «Mi sono aggregata ad una cordata di ragazzi con cui siamo saliti attraversando il ghiacciaio per la via normale e lungo il sentiero attrezzato fino in vetta. Abbiamo fatto un sacco di foto e poi, mentre eravamo seduti a chiacchierare e mangiare, abbiamo sentito questo rumore che non siamo riusciti a riconoscere».

E conclude: «Non ci siamo resi conto di quello che stava succedendo perché era dal primo mattino che si sentivano elicotteri quindi abbiamo pensato ad una esercitazione o qualcosa del genere, nonostante sia arrivata fino in vetta una fortissima folata di vento».

Ultimo aggiornamento: 5 Luglio, 10:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci