L'asinella compagna di giochi dei bambini sbranata dal lupo

PER APPROFONDIRE: asino, belluno, livinallongo, lupi, sbranato
L'asinella compagna di giochi dei bambini sbranata dal lupo. Il papà-pastore: «Ci cacceranno tutti»

di Mirko Mezzacasa

LIVINALLONGO - E chi lo spiega a Leila di 9 anni e al fratellino Daniel di 7, che il lupo ha fatto un sol boccone di Meggi? Non sarà facile per mamma Emanuela spiegare ai due bimbi cresciuti come Heidi e Peter a 1750 metri, nono tornante della strada per il Passo Pordoi, tra mucche, vitelli, cavalli, asini, che l'asinella Meggie è finita nello stomaco del lupo. Sarà complicato perché nel giardino all'asilo di Livinallongo e sui banchi delle elementari Leila e Daniel hanno conosciuto la favola di Cappuccetto rosso, con il lupo che mangiava la nonna; ma poiché favola alla fine tutti vissero felici e contenti, nonna compresa. Questa non è una favola, per i due fratellini ha più il sapore amaro della tragedia. Nella notte il lupo, di Meggie ha lasciato solo qualche frattaglia. Che si tratti di lupo lo hanno già ipotizzato i Carabinieri Forestali saliti a Passo Pordoi dove hanno riconosciuto le impronte. Intanto i servizi veterinari della Usl Dolomiti (ospedale di Agordo), hanno prelevato feci e pelo del predatore da inviare all'istituto zoo profilattico per l'ultima conferma. 

«Chi lo dice ai miei figli quello che è successo, anzi che abbiamo permesso succedesse»: Paolo Degasper, pastore d'alta quota con in concessione dal Comune un paio di ettari di pascolo per asini, cavalli e vitelli non si dà pace. «Siamo terrorizzati - racconta - per la seconda volta. Venti giorni fa un'asinella è sparita dalla mattina alla sera, non come ieri quando abbiamo trovato i resti del banchetto. Il mistero della precedente sparizione rimane aperto, ma a questo punto è chiaro che il lupo potrebbe essere il responsabile anche in questo caso». Degasper mescola alle delusioni la rabbia inviando un messaggio alle istituzioni, fino a Venezia al governatore Luca Zaia perché intervenga con decisione.  «Bisogna evitare che il lupo prolifichi, oppure in pochi anni tutti noi ce ne andremo perché sarà impossibile allevare qualsiasi tipo di animale in presenza di branchi di lupi...»...


 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 17 Agosto 2017, 12:40






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
L'asinella compagna di giochi dei bambini sbranata dal lupo
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 39 commenti presenti
2017-08-20 17:31:08
Lo sbaglio è stato solo introdurre lupi ed orsi ( che un tempo c'erano pure). Adesso non si possono mica ammazzare tutti ma occorre prendere tutte le debite precauzioni. I lupi si tengono a debita distanza dall'uomo poichè lo temono, l'orso mica tanto ma i cani inselvatichiti sono molto più pericolosi dato che non hanno paura dell'uomo.
2017-08-20 17:19:25
Mi spiace per questa povera asinella ma ho già visto casi simili che poi sono finiti a far....mortadella.
2017-08-20 17:17:12
E perchè i macelli fanno di meglio?.
2017-08-18 22:36:56
Ma nessuno sa che la natura funziona così?
2017-08-18 13:01:40
Lupi ed orsi li metterei tutti a casa degli animalisti!