Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Addio a Del Vecchio, il giorno del silenzio: al PalaLuxottica attesi in 5mila

Mercoledì 29 Giugno 2022 di Raffaella Gabrielli
Leonardo Del Vecchio
1

AGORDO (BELLUNO) - Per due giorni Agordo si fermerà. Oggi e domani, 30 giugno, cittadini, per buona parte dipendenti di Luxottica, renderanno omaggio al proprio Cavaliere. Tanto per la camera ardente quanto per i funerali, ai piedi del monte Framont è attesa un'enormità di gente al PalaLuxottica: almeno 5.000 persone. Tutto è pronto per l'addio a Leonardo Del Vecchio, là dove tutto ebbe inizio.

DALL'AZIENDA
«Le esequie del presidente Leonardo Del Vecchio - fanno sapere ufficialmente dagli uffici del colosso dell'occhiale - saranno celebrate al PalaLuxottica di Agordo giovedì 30 giugno, alle 11.30. A partire dalle 13 di mercoledì 29 giugno, e fino alle 6 del giorno successivo, sarà accessibile al pubblico la camera ardente allestita sempre all'interno del PalaLuxottica». Impossibile riuscire ad ammettere la folla che si presenterà a salutare il patron. Per questo l'azienda ha pensato a delle alternative per cercare di consentire a più persone possibile di prender parte alla cerimonia, in presenza o a distanza. «Il 30 giugno - viene sottolineato - sarà una giornata di lutto per l'intera comunità EssilorLuxottica nel mondo. In Italia saranno sospese tutte le attività di reparti e uffici mentre negli altri paesi verrà osservato un lungo momento di silenzio. Sarà inoltre predisposta una diretta streaming delle celebrazioni all'interno di tutte le sedi dell'azienda in Italia e all'estero per consentire ai dipendenti di stringersi attorno al presidente per l'ultimo saluto».

LA LOGISTICA
È sempre da Luxottica che parte una richiesta: «A tutti coloro che vorranno prendere parte alle celebrazioni ad Agordo, si raccomanda di ricorrere ai mezzi di trasporto collettivo per raggiungere l'area e di arrivare non oltre le 10». Ciò significa che le auto andranno parcheggiate nelle aree messe a disposizione dai Comuni di Agordo e di Taibon e da là salire poi sui vari bus navetta predisposti da Luxottica. Aggiornamenti e indicazioni utili anche sulla viabilità locale saranno resi disponibili sul sito web di Essilor Luxottica L'azienda, infine, raccomanda ai partecipanti di utilizzare le mascherine Ffp2 all'interno del PalaLuxottica. «Ad affiancare Luxottica nell'organizzazione della logistica del funerale - afferma il sindaco di Agordo Roberto Chissalè - ci sono anche il Comune e le forze dell'ordine. Ma anche un consistente numero di volontari, soprattutto della Protezione civile».

IL LUTTO CITTADINO
È lo stesso Chissalè ad aver firmato l'ordinanza di lutto cittadino dove si legge: «Invitiamo i concittadini, i titolari di attività commerciali, le organizzazioni politiche, sociali e produttive e le associazioni sportive, a esprimere la loro partecipazione al lutto cittadino mediante la sospensione delle attività o, in caso di impossibilità, nella forma ritenuta più consona a manifestare l'adesione al cordoglio della comunità, in segno di raccoglimento e rispetto durante la celebrazione delle esequie dalle 11.30 di giovedì 30 giugno e sino al termine della cerimonia funebre». La Pro loco, ad esempio, ha annullato la sagra patronale di San Pietro prevista per oggi 29 giugno. Sì perché oggi, a mezzogiorno, arriverà il feretro di Del Vecchio. Accogliendo la richiesta del Comune di Agordo, il carro funebre transiterà per il centro del paese per un ultimo simbolico saluto. Dopodiché raggiungerà il PalaLuxottica dove ad attenderlo ci saranno il sindaco Chissalè e il parroco don Cesare Larese.

LA PREOCCUPAZIONE
Gratitudine e riconoscenza verso il nonno, come i dipendenti chiamavano affettuosamente Del Vecchio. Ma anche preoccupazione per il futuro dell'azienda. All'indomani della scomparsa dell'imprenditore sentimenti diversi si mescolano tra di loro. Anzi, è il Bellunese intero che si chiede cosa sarà del futuro e se i suoi eredi, parenti o manager che siano, rispetteranno le sue volontà di mantenere il fulcro ad Agordo. E si rifanno alle dichiarazioni fatte dal cavaliere in una delle sue ultime uscite pubbliche tra le maestranze. Era il 20 settembre 2015, in occasione di un Family day, in cui disse: «Agordo è il primo dei poli Luxottica, dove nascono e partono tutte le idee: è il cuore della dozzina di fabbriche del gruppo. È qui che fanno scuola i nostri dirigenti prima di andare a lavorare altrove dove esportano il know how agordino. E così sarà per sempre. Agordo resterà così: i manager che seguiranno porteranno avanti la tradizione. Insomma, una multinazionale che conserverà il cuore bellunese».


 

Ultimo aggiornamento: 17:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci