Non ce l'ha fatta il 18enne investito da un'auto davanti ad un bar

Giovedì 15 Ottobre 2020 di Eleonora Scarton
Il 18enne Attouch Walid era stato investito all'alba di sabato a Lentiai
1

FONZASO - Non ce l’ha fatta Attouch Walid, il  18enne di Fonzaso investito qualche giorno fa davanti al bar Pezzin di Lentiai di Borgo Valbelluna. Troppo gravi le lesioni riportante dopo l’impatto con l’autovettura e, nonostante i sanitari abbiano cercato di fare tutto il possibile per salvargli la vita,  è spirato oggi all’ospedale Ca’ Foncello di Treviso dove era stato trasferito per l’aggravarsi delle condizioni di salute. Una tragedia che ha lasciato sgomenta la comunità di Fonzaso che conosceva il giovane ma soprattutto la sua famiglia che sperava in un epilogo meno tragico


L’INCIDENTE
Il tragico incidente stradale è avvenuto sabato scorso a Lentiai. Erano le cinque del mattino quando una cinquantaseienne di Mel, a bordo di una Renault Capture, stava percorrendo la strada provinciale 1 con direzione di marcia da Mel a Busche. Una mattina come tante altre per la donna che a bordo della sua autovettura stava percorrendo tranquillamente la strada. Ad un certo punto però, per cause in corso di accertamento da parte dei carbinieri, ha investito il pedone. Il ragazzo si trovava più o meno all’altezza del bar Pezzin, lontano dalle strisce pedonali e in una zona non illuminata. Le condizioni di Walid, rimasto a terra dopo l’impatto, sono parse fin da subito gravissime. La donna ha chiamato i soccorsi, e dalla centrale del Suem 118 è stata inviata immediatamente un’ambulanza; il personale sanitario ha prestato le prime cure al ragazzo che poi è stato trasportato all’ospedale di Feltre in gravi condizioni. Spetterà ora ai carabinieri ricostruire l’accaduto e accertare eventuali responsabilità.
CHI ERA
Attouch Walid era un giovane che amava la vita e la compagnia degli amici. Era ben inserito nella comunità di Fonzaso tant’è che lo si vedeva spesso girare con un gruppo di amici di origine marocchina ma anche del luogo. Classe 2002, Walid è nato a Casablanca, in Marocco. Da piccolissimo è arrivato in Italia con la famiglia, i genitori e i tre fratelli. Abitava nelle case popolari di via Alcide De Gasperi, nella zona centrale di Fonzaso. Ha frequentato le scuole dell’obbligo a Fonzaso per poi decidere di frequentare l’Enaip in Primiero.
IL RICORDO
A riprova del fatto che Walid era ben inserito nella comunità fonzasina, i numerosi messaggi di cordoglio lasciati dai compaesani sui social. "Ciao Walid" lo saluta Evelyn. "Condoglianze vivissime alla famiglia" scrive Maria Giovanna i cui nipoti vanno a scuola con i fratelli di Walid. "Sentite condoglianze, un abbraccio. Ti porterò nel cuore" scrive ancora Max.
 

Ultimo aggiornamento: 21:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA