Giro d'Italia all'orizzonte: accessi blindati, centro off limits

Martedì 18 Maggio 2021 di Marco Dibona
Nel 2012 quando il Giro d'Italia fece tappa per l'ultima volta a Cortina, così venne agghindata la cabina della funivia del Faloria
1

L’arrivo del Giro d’Italia nel centro di Cortina rivoluzionerà completamente la mobilità in paese, per tutta la giornata di lunedì 24 maggio. Saranno chiuse al traffico diverse strade del centro e di accesso; non si potrà parcheggiare nel piazzale della Stazione, adibito a villaggio di tappa, e in largo delle Poste, dove ci saranno i camion della produzione televisiva.


AUTO FERME
In vista dell’arrivo dei corridori, in discesa dal passo Giau, dalle 14 non si potrà viaggiare lungo la 48 delle Dolomiti, dal piazzale di Son dei Prade sino al ponte Corona. Traffico vietato anche lungo le strade del paese che vedranno la conclusione della tappa: Lungoboite Majoni, via del Parco, via dei Campi e via Apollonio. Dalle 14 ci saranno modifiche anche alla mobilità dei veicoli che devono attraversare il paese, lungo la statale 51 di Alemagna. Il traffico leggero, che arriva dal Cadore, sarà deviato in salita lungo via Faloria e Pecol, in senso unico; il traffico diretto a sud salirà per Verocai e Pierosà, per poi proseguire in direzione Alverà e passo Tre Croci. L’assenza di parcheggi in centro, utilizzati dall’organizzazione del Giro, obbliga a collocare i capolinea delle corriere ad Acquabona e Fiames.

Giro d'Italia a Rieti, ma il passaggio a livello è chiuso: ciclisti in fuga fermi ad aspettare il treno

 
IL TRASPORTO PUBBLICO
Da quei piazzali saranno poi i pullman del trasporto urbano Servizi Ampezzo a garantire il collegamento con il centro, dalle 7 sino alle 21. Gli autobus collegheranno anche i parcheggi allestiti nell’area artigianale di Pian Da Lago, con cadenza ogni 30 minuti. All’occorrenza sarà disponibile una navetta di riserva, che giungerà fino alla rotonda dell’hotel Cristallino. Da nord i bus partiranno da Fiames, con cadenza oraria, fino alla fermata dell’hotel Bellevue, per poi ritornare a Fiames lungo via del Castello, a senso unico in salita. I veicoli privati, in particolare di chi lavora in paese, dovranno essere lasciati a Pian da Lago, Socol e Fiames. Per le scuole non ci saranno variazioni, poiché sarà garantito il transito degli autobus la mattina e alle 13, al termine delle lezioni. Infine, ma non ultimo, il problema dell’accesso pedonale al centro cittadino e in particolare lungo corso Italia, nell’area dell’arrivo, in prossimità del traguardo. La zona sarà monitorata e controllata dalle forze dell’ordine, per evitare assembramenti, secondo quanto previsto dal piano di sicurezza previsto dall’organizzazione del Giro. È prevista la presenza di personale della protezione civile per sensibilizzare la cittadinanza al rispetto della normativa anti assembramento. Gli ultimi dettagli dell’arrivo a Cortina saranno illustrati domattina in municipio, dal comitato tappa.

Ultimo aggiornamento: 19 Maggio, 07:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA