Giro d'Italia, arrivo spostato in piazza sotto il campanile

Martedì 13 Aprile 2021 di Marco Dibona
Un passaggio del Giro d'Italia sul passo Giau
1

CORTINA D’AMPEZZO - La tappa del Giro d’Italia di lunedì 24 maggio si concluderà in piazza a Cortina, sotto il campanile. Il traguardo non sarà alla stazione, come accadde l’ultima volta, il 23 maggio 2012. Ieri il comitato di tappa, presieduto dal sindaco Gianpietro Ghedina e coordinato da Andrea Vidotti, ha definito alcune scelte organizzative, assieme a Mario Broglia, responsabile dell’area arrivi per Rcs, che organizza il Giro, e con Stefano Brunozzi regista Rai. Prima c’è stata una riunione tecnica, in municipio, con il responsabile della polizia locale Dino De Betta, con Paola Coletti, assessore comunale che si occupa dell’evento, e con Cortina Marketing, braccio operativo dell’amministrazione comunale, per la promozione turistica. 
E’ seguito il sopralluogo fra strade e piazze del paese: «Ci hanno chiesto dove preferiamo posizionare l’arrivo e noi abbiamo pensato al centro, sotto il campanile – conferma il sindaco Ghedina – e lì si arriverà da sud, risalendo Corso Italia. Abbiamo anche definito l’ultimo chilometro: scesi dal passo Giau, i ciclisti supereranno il ponte sul Boite, a Crignes, passeranno nella zona delle scuole, gireranno alla chiesa della Madonna della Difesa, per poi risalire verso il centro». 
IL VILLAGGIO DELLA CAROVANA
Nella riunione del comitato è stata definita anche la sistemazione della carovana: il villaggio del Giro sarà nel piazzale della stazione. Le apparecchiature della produzione Rai saranno in largo delle Poste. L’arrivo della tappa è previsto alle 17, ma due ore prima arriverà il Giro E, riservato alle biciclette a pedalata assistita, per le quali c’è una forte promozione, in questi anni. «La tappa di Cortina sarà forse decisiva per il Giro 2021, per cui la diretta tv sarà più lunga, probabilmente cinque ore: ci sarà quindi l’opportunità di inserire diverse immagini del territorio, pillole promozionali, che si stanno concordando con Cortina Marketing» - dice Ghedina. 
PROMOZIONE TURISTICA
La passione per il ciclismo potrà essere motivo di promozione turistica: «C’è stata una riunione con l’associazione degli albergatori,con i commercianti di Cortina for us, e stiamo coinvolgendo i noleggiatori di biciclette, per organizzare le giornate che precedono la tappa e creare un’offerta turistica, per gli appassionati di ciclismo – conferma il manager sportivo Andrea Vidotti – vorremmo organizzare dei week end lunghi, a fine maggio, sino a lunedì sera, in modo che si possa venire a pedalare negli ultimi chilometri della tappa regina del Giro, sabato e domenica, percorrendo la strada del passo Giau, per poi assistere alla gara, nella giornata del 24 maggio. Così tutti potranno provare l’ebbrezza di quello che vivranno i corridori».
 

Ultimo aggiornamento: 07:55 © RIPRODUZIONE RISERVATA