Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

La tappa del Giro d'Italia, una grande vetrina con 20mila arrivi in città

Lunedì 30 Maggio 2022
Giro d'Italia

BELLUNO - È solo una stima ma le immagini parlano più delle parole e non sembra lontano dalla realtà dire che il Giro d'Italia ha portato a Belluno almeno 20.000 persone nei giorni legati alla Tappa Belluno Marmolada. Mesi di lavoro dietro le quinte per pochissimi minuti in cui si vedono i campioni sfrecciare lungo le strade di casa. Una promozione del territorio che non ha eguali. È questo il senso del fenomeno Giro d'Italia, una festa di tutti senza pari, anche di chi in bicicletta non ci va. E viene naturale fare un Giro di numeri di questo periodo all'insegna del rosa che ha visto in prima linea almeno 100 volontari il giorno della partenza del Giro e da mesi tutta la macchina comunale (operai, impiegati e funzionari) impegnati malgrado il periodo elettorale. Per non parlare di tutte le forze dell'ordine coinvolte.

GLI EVENTI
Così, a cura del Comune, da inizio maggio Belluno ha ospitato una serie di eventi collegati alla tappa da Marco Scarponi con l'ex Commissario della Nazionale Davide Casani, alla serata dedicata ai giornalisti ricordando Buzzati con una delle migliori penne della Gazzetta dello Sport, Marco Pastonesi. Belluno non ha dimenticato la sua vocazione di città dei bambini e a inizio maggio la Polizia Locale ha promosso un pomeriggio all'insegna dell'educazione stradale con una 60na di bimbi incuranti della pioggia ad affrontare segnali, semafori e rotatorie. Sempre i più piccoli sono stati protagonisti di giochi e pedalate nei fine settimana tra Fiab e Belluno Kids Festival, in almeno 200 quelli coinvolti. E in biblioteca si dava spazio alle letture espressive dedicate loro. Intanto il comune di Belluno si colorava di rosa e distribuiva ai commercianti (con l'aiuto di Ascom e Consulta dei negozi del centro) oltre 250 kit rosa: uno zainetto con vetrofania, tshirt, manina e cappellino per abbellire le vetrine.

LA PROMOZIONE
Timidamente i bellunesi si sono avvicinati alla tappa di sabato seguendo nei profili social di Comune, Adorable e Dmo l'auto che dalla Carovana del Giro per 11 giorni ha promosso il territorio distribuendo in ogni tappa (ognuna con 6-8 fermate) migliaia di materiali promozionali. C'è stato spazio anche per il mito di Alfonsina Strada a teatro. Poi il Tricolore ha fatto la magia ed è stata un'esplosione con centinaia di persone con lo sguardo al cielo in Piazza dei Martiri ad ammirare i paracadutisti portare a terra un enorme bandiera italiana accolti da fragorosi applausi. In piazza Duomo oltre 100 piccoli ciclisti davano vita alla gincana. La Notte Rosa ha riempito tutte le piazze del centro città con migliaia di persone. Per il giorno della tappa i bellunesi hanno invaso il centro e raccolto l'appello dell'assessorato allo Sport di arrivare in bicicletta a vedere i ciclisti. In piazza Piloni il bike park ha ospitato oltre 300 biciclette, Coldiretti ha dato fondo ai 400 bauletti della merenda e le aziende svuotato i banchi degli stuzzicchini preparati per tutti. I ragazzi di Decathlon hanno riparato e sistemato decine di biciclette, la Lilt fatto promozione per la salute. Anche questo è Giro d'Italia.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci