Martedì 20 Novembre 2018, 21:27

Don Gino è ricoverato, colpo dei ladri in canonica mentre c'è la tempesta

PER APPROFONDIRE: canonica, colpo, cusighe, furto, ladri, parroco, ricoverato
Chiesa e canonica di Cusighe

di Alessia Trentin

BELLUNO - Il parroco è in ospedale, ladri ne approfittano e gli entrano in casa. Hanno sfondato la porta del terrazzino della canonica, non riuscendo ad entrare dall’ingresso principale, quindi sono scesi al piano terra e hanno frugato tra gli effetti personali custoditi nell’ufficio. Don Gino, prete di Cusighe, l’ha saputo dai suoi parrocchiani, della visita dei topi d’appartamento alla sua piccola abitazione adiacente la chiesa. È accaduto nella notte tra il 28 e il 29 ottobre, nel pieno della violenta tempesta.
IL SACERDOTE
Non si sa quanti siano stati i malviventi, ma è verosimile che uno abbia fatto da palo e un secondo abbia trafficato con i serramenti per riuscire a guadagnare l’interno dell’appartamento. Tutto questo armeggiare, comunque, ha portato ad un misero bottino: una collanina con un crocifisso da una decina di euro. Per Don Gino ha però significato la sottrazione di un bene dal grande valore affettivo. «Me l’avevano regalata persone di Sedico, oggi hanno sessant’anni ma allora erano ragazzi – racconta dal suo letto d’ospedale -, era un caro ricordo di quando ero cappellano. Il valore è modesto, al massimo 10 euro, ma per me significava molto. Non ho sporto denuncia perché è stata una ragazzata e ho deciso di lasciar perdere. Non meritano pubblicità». Nell’ufficio del religioso c’erano anche un pc e una macchina fotografica, ma i ladri si sono limitati a sottrarre il monile, forse ritenendolo di grande pregio. Non era la prima volta. Meno di un anno fa qualcuno aveva rubato la cassetta delle offerte dalla chiesa frazionale e vetri sfondati e serrature forzate sono stati per anni l’incubo dei parrocchiani e di chi lasciava l’auto nel piccolo piazzale davanti alla chiesa. Mamme e papà dei piccoli dell’asilo lì vicino, per esempio, più volte si sono trovati senza più la borsa o il portafoglio, sottratti dall’abitacolo nei pochi minuti spesi per andare a recuperare il figlio alla scuola materna.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Don Gino è ricoverato, colpo dei ladri in canonica mentre c'è la tempesta
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2018-11-21 23:25:36
"Non ho sporto denuncia perché è stata una ragazzata e ho deciso di lasciar perdere". Ecco perche' dicono che i furti sono in diminuzione.
2018-11-21 18:35:22
Voleva dare accoglienza, l'ha data. Non e contento?
2018-11-21 08:39:59
ma cosa si aspettava il preta???