Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Franco scomparso nei boschi di Cordellon, silenzio lungo 14 anni: «Dichiaratelo morto»

Venerdì 19 Agosto 2022 di Federica Fant
Franco scomparso da 14 anni: ora la morte presunta

BORGO VALBELLUNA - Ultima chiamata per Franco Lorenzet, l’uomo di Mel scomparso il 10 ottobre 2008 all’età di 61 anni e di cui non si è mai più saputo nulla. È stato depositato, nei giorni scorsi, il ricorso per la dichiarazione di morte presunta da parte dei famigliari, seguiti dall’avvocato Paolo Patelmo. La morte presunta è un istituto giuridico con il quale, attraverso una pronuncia del Tribunale, una persona viene ritenuta morta dall’ordinamento, allorché questa si sia allontanata dal luogo del suo ultimo domicilio o dall’ultima residenza e non abbia fatto avere più sue notizie per un periodo di tempo determinato.

LA STORIA Di Franco Lorenzet, idraulico in pensione, non si hanno più notizie da quasi quattordici anni, da quando quel venerdì 10 ottobre si dileguò nei boschi di Cordellon di Mel. Le squadre del Soccorso alpino, che erano state allertate nel pomeriggio del giorno della scomparsa, avevano perlustrando le zone nella località della Valbelluna per giorni e giorni. Poco lontano da quel luogo, infatti, era stata rinvenuta la sua macchina. Il centro mobile di coordinamento, base delle operazioni, era stato posto a Vanie. Le cronache dell’epoca raccontano di come erano stati impegnati una ventina di tecnici delle Stazioni di Belluno, Feltre e Longarone e una decina di Vigili del fuoco fra i permanenti di Belluno, i volontari di Feltre e Belluno e il nucleo cinofilo regionale. Il tutto senza esito.

CHI L’HA VISTO? Della scomparsa di Lorenzet si occupò allora anche la trasmissione “Chi l’ha visto”: l’annuncio con le informazioni dello scomparso è ancora presente sul sito. Il 61enne indossava al momento della scomparsa, una camicia azzurra a quadretti e dei blu jeans. L’uomo portava i capelli corti brizzolati. «Franco Lorenzet, 61 anni, vive da solo a Mel - si legge sulla segnalazione di scomparsa - . Il 10 ottobre viene ritrovata la sua automobile, impantanata a bordo strada in località Cordellon. È stata perlustrata l’area e le zone limitrofe senza alcun esito. Franco ha lasciato il cellulare nella propria abitazione».

LE SPERANZE Nelle ore successive alla scomparsa le speranze si riaccesero: il Soccorso alpino aveva raccolto, infatti, una serie di testimonianze attendibili da parte di numerose persone che avrebbero visto l’uomo sia venerdì sera che sabato a Mel e dintorni, non quindi in ambito montano. Qualcuno avrebbe visto l’uomo sabato mattina a Fontanella di Villa di Villa, in zona Zanussi. La scomparsa divenne quindi un vero e proprio mistero mai risolto. Per giorni le ricerche batterono palmo a palmo la zona: al lavoro quasi 100 soccorritori e 7 unità cinofile. Il centro mobile di coordinamento era rimasto a Vanie, da dove si erano diramati gli interventi dei diversi soggetti interessati dalle operazioni di ricerca. Poi tutto si fermò: non c’erano elementi nuovi. Di Lorenzet si tornò a parlare quando nel 2017 venne ritrovato un corpo in avanzato stato di decomposizione a Val Fontane, nella zona di Cordellon: ma durò solo poche ore, perché si accertò subito che si trattava di un 55enne scomparso qualche mese prima da Tambre.

L’ISTANZA Le speranze quindi dopo 14 anni sono nulle: Lorenzet non può restare per sempre nella terra degli scomparsi, c’è la necessità di procedere con la dichiarazione di morte presunta. A inizio luglio è stata fatta istanza al Tribunale di Belluno, che già il 26 novembre 2009 emesse un decreto con cui era stata dichiarata la scomparsa di Franco e contestualmente nominato curatore della persona scomparsa. Venne individuato nel fratello Alavaro Lorenzet Alvaro, venuto a mancare qualche anno dopo. «Sono trascorsi più di dieci anni dall’ultima notizia in vita di Franco Lorenzet», ricorda l’avvocato Patelmo che conclude chiedendo che venga dichiarata la morte presunta. La sentenza viene pronunciata nel caso in cui ricorrano due presupposti: l’allontanamento dal luogo del suo ultimo domicilio o dall’ultima residenza o l’assenza di notizie per un periodo di dieci anni. 

Ultimo aggiornamento: 06:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA