Maltempo, frane e allagamenti: disagi senza fine sulla Feltrina. E ora il senso unico per lavori

Sabato 18 Maggio 2024 di Eleonora Scarton
Maltempo, frane e allagamenti: disagi senza fine sulla Feltrina. E ora il senso unico per lavori

Ennesima chiusura della Feltrina giovedì notte a seguito dell’abbondante pioggia che si è abbattuta in tutto il territorio. I tecnici di Veneto Strade hanno lavorato tutta la notte per poter riaprire l’arteria così fondamentale in quanto principale via di collegamento tra Feltrino e Trevigiano per le sette, limitando i disagi ai lavoratori che venerdì mattina dovevano recarsi al loro posto di lavoro, ma anche agli studenti che dovevano recarsi a scuola o ai cittadini che avevano visite programmate.

Una riapertura temporanea in quanto l’ente gestore ha già annunciato disagi per l’inizio della prossima settimana. 


LA CHIUSURA 
Chiunque abiti nel Feltrino, vedendo giovedì sera la fitta pioggia che cadeva, si è chiesto quando la strada regionale Feltrina sarebbe stata chiusa. Ed ecco che, puntualmente, la notizia è arrivata. Una colata detritica tra le località di Carpen e Santa Maria, nel comune di QueroVas, è scesa da monte finendo in strada. Ingente il materiale finito sulla strada tant’è che l’ente gestore, Veneto Strade, non ha potuto far altro che decretare la chiusura della strada. Le squadre reperibili sono giunte immediatamente sul posto ed hanno iniziato a rimuovere il materiale ed a mettere in sicurezza l’arteria. Hanno lavorato per l’intera nottata riuscendo a riaprire la strada per le 7, riducendo quindi i disagi per quei lavoratori e studenti che dovevano recarsi nel luogo di lavoro o istituto scolastico per le 8. Presenti anche le forze dell’ordine che hanno controllato che nessuno tentasse di percorrere la strada. Una colata detritica che ha fatto seguito ad un altro allagamento, avvenuto sempre giovedì sera, al confine tra il comune di Alano di Piave e Pederobba, e che ha causato anch’esso qualche problema alla viabilità. 


NUOVI DISAGI 
Il materiale sceso a valle è stato ingente, ma limitato grazie alla presenza delle reti paramassi che sono state installate in quel punto. Reti che risultano ad oggi piene di materiale e per questo necessitano di essere svuotate. A fronte di ciò, lunedì, martedì e mercoledì dalle 8 alle 17 è istituito un senso unico alternato regolato da movieri e sono previste interruzioni fino a massimo 20 minuti proprio per permettere lo svuotamento di queste reti paramassi. 


L’EMERGENZA 
Fortunatamente, giovedì sera, la sinistra Piave ha retto. Grazie anche ad alcuni recenti interventi di installazione di reti paramassi effettuati da Veneto Strade, la strada non ha registrato colate detritiche e quindi è sempre rimasta aperta, garantendo un collegamento tra il basso Feltrino e la Trevigiana con il Feltrino e la Valbelluna. Certo è che la situazione sta diventando sempre più insostenibile e diventa prioritario trovare le risorse necessarie (o capire che fine hanno fatto quelle che erano state stanziate) per mettere a terra il progetto di ammodernamento e messa in sicurezza della Feltrina che Veneto Strade ha già sopra la scrivania. 


SUL TERRITORIO 
Il maltempo ha creato qualche piccolo disagio anche nel comune di Feltre. In particolare, nella tarda serata di giovedì si è verificata una colata di detriti su via Vallarghe, tra le frazioni di Tomo e Villaga. È stato immediatamente attivato il pronto intervento del Comune e la strada è stata resa transitabile in breve tempo. Qualche temporanea chiusura è stata registrata anche in altri comuni del feltrino, come in località Carazzai a San Gregorio nelle Alpi.

Ultimo aggiornamento: 19 Maggio, 12:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmemedia.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci