Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Venezia in "soccorso" di Feltre per la promozione turistica del Palio

Martedì 9 Agosto 2022 di Daniele Mammani
Venezia in "soccorso" di Feltre per la promozione turistica del Palio

VENEZIA/FELTRE - Venezia e Feltre saranno insieme per la valorizzazione turistica del feltrino. Quale miglior occasione, se non il Palio di Feltre, per siglare degli accordi di collaborazione fra la cittadina dolomitica e il capoluogo lagunare.
L'incontro è stato un ottimo tavolo anche per mostrare, ai rappresentanti odierni di chi, nel 1404, ha ottenuto la dedizione di Feltre: era l'anno del primo Palio, così si narra. «È il primo risultato raggiunto - si legge in una nota stampa dell'Ufficio comunale al turismo - dall'assessore di Feltre al Turismo, Maurizio Zatta, al termine della giornata di domenica che ha visto l'assessore veneziano Simone Venturini ospite al Palio». Zatta e il suo omologo Venturini hanno assistito allo spettacolo che in Pra' del Moro ha offerto la sfida ai XV ducati d'oro cogliendo l'occasione quindi per creare una sintonia per la crescita del territorio feltrino.
L'OBIETTIVO
La nota stampa indica che Feltre e Venezia lavoreranno insieme per «la realizzazione di nuovi progetti di valorizzazione turistica del feltrino». Un'affermazione che arriva direttamente da Venturini, ospite a Feltre del suo collega Maurizio Zatta.
«L'occasione - spiega nel testo Zatta - è stata il Palio, che ha permesso a Venturini di toccare con mano quanto ancora in città sia viva la memoria del legame con la Serenissima. Prima di arrivare a Pra' del Moro, dove abbiamo assistito alle gare e alle premiazioni, ho accompagnato l'amico Simone a visitare alcune delle bellezze di Feltre come la Galleria Rizzarda e il Museo Diocesano».
IL FULCRO
Non si è trattata esclusivamente di una gita turistica di cortesia, perché il Palio è probabilmente il più grande biglietto da visita che la città abbia a disposizione.
Una sorta di contenitore che racchiude qualsiasi cosa che Feltre può presentare: «Soprattutto abbiamo posto le basi - prosegue Zatta nel testo - per una collaborazione importante su cui abbiamo iniziato a lavorare e il cui obiettivo è incrementare il flusso turistico verso il feltrino. Venezia è il patrimonio d'arte cultura e storia che il mondo ci invidia. Ma per comprendere appieno cosa fu la Serenissima bisogna guardare a ciò che fece in terraferma. E per capire questo, Feltre, per il turista, può essere una splendida opportunità».
A supporto della bontà dell'incontro arrivano le parole dell'assessore Venturini: «La mia presenza qui oggi testimonia non solo un legame passato ma la volontà di costruire nuove collaborazioni e sinergie. Venezia è capace di attrarre un turismo internazionale ma può essere anche una calamita positiva per molte città a lei legate e Feltre ha dunque la nostra disponibilità a farle da sorella maggiore in questo senso. È un'idea questa su cui intendiamo lavorare insieme». Un primo passo, speriamo, verso una buona collaborazione.

 

Ultimo aggiornamento: 10 Agosto, 08:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA