Sabato 12 Ottobre 2019, 12:59

Feltre. «Vittime degli acquisti facili sul web»: il bazar della famiglia Reginato chiude dopo 75 anni

PER APPROFONDIRE: bazar, chiusura, feltre, reginato
Feltre. «Vittime degli acquisti facili sul web»: il bazar della famiglia Reginato chiude dopo 75 anni
FELTRE (BELLUNO) - Sono sulla piazza da 75 anni, la famiglia Reginato a Feltre è sinonimo di commercio. Il bazar di via Tezze con i suoi novemila prodotti è un punto di riferimento per la città ma la serranda potrebbe abbassarsi presto, chiusa anche a causa dello stop al traffico in centro.  Tra gli scaffali della bottega si trova di tutto dagli oggetti per la casa, ai giocattoli, agli utensili da cucina per arrivare al giardinaggio. L'insegna del negozio, una delle più vecchie dell'intera città, racchiude nel disegno tutta la storia del locale. Anni e anni al servizio dei clienti che a breve potrebbero diventare però solo un gran bel ricordo da mettere negli archivi della città. Giuseppe Reginato l'erede della dinastia commerciale, i primi mesi del prossimo anno mollerà e andrà in pensione e il bazar abbasserà, dopo 75 anni, le serrande senza che nessuno sembra sia intenzionato a rilevarne la licenza. Un salto del bancone che per il commerciante sarà quasi una liberazione visto che negli ultimi anni gli affari sono andati via via sempre più in calo soprattutto da quando via XXXI Ottobre e Largo Castaldi sono stati chiusi al traffico e le corse delle corriere allontanate dal centro.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Feltre. «Vittime degli acquisti facili sul web»: il bazar della famiglia Reginato chiude dopo 75 anni
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2019-10-14 17:29:13
Bello si. Intelligente pure. Noi ingrassiamo le multinazionali che pagano le tasse nei paradisi fiscali (luxembourg e Irlanda compresi) o comperiamo in centri commerciali o dai cinesi e mi piacerebbe verificare quante tasse pagano gli uni (spesso in perdita) e gli altri. Ma poi quando le nostre citta saranno deserte, saremo contenti e piu felici?
2019-10-13 01:10:54
Centri chiusi = città morte. Sindaci colpevoli, centri commerciali mandanti.
2019-10-14 09:31:07
Eh no mi spiace, non si può dare sempre la colpa agli altri! Mi dica che Lei non ha mai acquistato online?? Ognuno quando acquista online contribuisce, nel suo piccolo, alla chiusura di questi negozi.
2019-10-12 20:48:54
Mi chiedo quante persone fino a venti anni fa' si sarebbero aspettati una stravolgente modalita di vendita online degli acquisti. Forse nessuno! e trentanni fa' (che non sono una vita) chi avrebbe scoperto o immaginato lo sviluppo dei PC o degli Iphone? Cosa ci aspetta tra trentanni? L imprevedibilita' del caso e della vita...
2019-10-12 20:38:03
Beh. Quel genere di negozio ha una fortissima concorrenza "cinese", con innumerevoli negozi che vendono merci scadenti ma a basso costo. Su internet trovi il mercato mondiale e puoi scegliere cio' che vuoi. Se ti serve una scarabattola qualsiasi al volo sesso vai "dal cinese" e spendi meno