​Dolomitibus depenna 102 corse: 21 autisti non hanno il Green pass

Venerdì 15 Ottobre 2021 di Giovanni Santin
Dolomitibus depenna 102 corse: 21 autisti non hanno il certificato

BELLUNO - Ventuno. Ieri, quando è stato il momento di tirare le somme, sono risultai essere appunto 21 gli autisti di Dolomitibus sprovvisti di greenpass. Lo stesso numero che due giorni Fabio Scopel (sindacalista della Faisa Cisal) aveva ipotizzato al Gazzettino. Fino a mercoledì l'Azienda aveva preso tempo cercando di correre ai ripari in ogni modo per contenere, se non addirittura scongiurare, gli effetti che l'entrata in vigore dell'obbligo del greenpass per i lavoratori avrebbe comportato sul sistema del trasporto pubblico locale. Ieri invece Dario Scopel, consigliere provinciale delegato ai Trasporti, ha ammesso: «Il trasporto pubblico locale sarà costretto a ridurre il servizio». Aggiungendo peraltro: «I disagi saranno ridotti» ed assicurando nel contempo che l'evolversi della situazione verrà monitorato giorno per giorno.


COSA DICONO LE CIFRE

I numeri comunicati da Dolomitibus parlano da soli: se in una giornata tipo le corse complessive quelle urbane nel capoluogo e quelle extraurbane - garantite da Dolomitibus arrivano al numero totale di 2.225, oggi ne salteranno 102, cioè il 4,6%. Il criterio osservato dall'Azienda nel sopprimere le corse è stato quello di garantire in prima battuta quell'utenza sprovvista di auto propria. E cioè proprio la popolazione scolastica. Ecco perché, ad eccezione degli studenti della località di Rivai, le corse saranno regolari per tutti. Dice dunque il consigliere provinciale Scopel: «Scatta domani (oggi per chi legge ndr) l'obbligo del Green pass, in applicazione a quanto previsto dalla legge. E il trasporto pubblico locale dovrà osservare alcune riduzioni di corse. Dolomitibus infatti comunica che, per motivi indipendenti dalla volontà aziendale, si rende necessario adeguare il servizio erogato alla forza lavoro disponibile».


LE CORSE DEPENNATE

L'adeguamento consiste appunto nella cancellazione di 102 corse il cui elenco è disponibile sul sito dell'Azienda; la riduzione di forza-lavoro a disposizione fa riferimento alle 21 unità di cui si è detto. E ieri anche Luxottica ha preso atto della soppressione di alcune corse comunicando i problemi ai propri dipendenti. A partire quindi da oggi il servizio extraurbano e il servizio urbano del Comune di Belluno dovranno subire delle riduzioni. E sul sito www.dolomitibus.it, giorno per giorno, sarà pubblicato il dettaglio delle corse soppresse. «Non si possono escludere disagi all'utenza spiega il consigliere Scopel - ma Provincia e Dolomitibus sono al lavoro per assicurare le corse negli orari di punta e ridurre così al minimo i possibili disservizi. Ci auguriamo che la situazione possa rientrare nel più breve tempo possibile». Fra le diverse misure messe in campo da Dolomitibus e Provincia, ed annunciate già ieri dall'amministratore delegato Stefano Rossi, vi è anche l'utilizzo come autisti di meccanici e personale amministrativo già in possesso della patente professionale per guidare pullman. Oggi, dopo un adeguato corso di preparazione, saranno loro a tamponare i vuoti lasciati dai colleghi che non si sono sottoposti né al vaccino né al tampone. E a sostituirli. Ma il numero di meccanici e degli amministrativi-autisti è evidentemente insufficiente a coprire tutte le necessità di questo momento eccezionale. Una situazione difficile. Difficilissima. E per contrastarla Dolomitibus sta facendo «uno sforzo sovrumano» aveva dichiarato ieri Rossi, l'ad dell'Azienda. Problemi che nella giornata di mercoledì sono stati rappresentati anche al Prefetto di Belluno che ha compreso la situazione ed ha apprezzato il lavoro messo in campo. Nella nota consegnata alla stampa, il consigliere delegato ai Trasporti Dario Scopel invita infine gli utenti a consultare preventivamente i canali informativi di Dolomitibus, così da essere sempre informati sulle possibili modifiche delle corse, giorno per giorno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA