​Nuovo scippo del Trentino al Veneto: la cima del monte Rite. «Ora basta»

Martedì 3 Maggio 2022 di Giuditta Bolzonello
Nuovo scippo del Trentino al Veneto: la cima del monte Rite. «Ora basta»
4

CIBIANA - Dalle etichette della birra a quelle di vini pregiati, ma anche di prodotti quali pani e formaggi tipici, in questi anni è stato un continuo rincorrersi di critiche per l'utilizzo di immagini promozionali da parte di territori confinanti utilizzando le cime più celebri delle Dolomiti. Solitamente oggetto del contendere sono le Tre Cime di Lavaredo. E dunque niente di nuovo si dirà non fosse che quelle vette tanto famose non appartengono al Trentino, riferendoci all'ultimo clamoroso caso, ma al Veneto e quindi al Bellunese. Cose già viste dunque non fosse che oggi, con la disponibilità di informazioni e tecnologie sofisticate, errori simili non sono accettabili, se di errore si tratta. «Ringrazio il Trentino Alto Adige per la promozione», è il primissimo commento sarcastico del sindaco di Cibiana di Cadore, Mattia Gosetti, quando ha visto l'immagine. E che immagine: la cima del monte Rite con le avveniristiche strutture del restauro fatto quando è stato recuperato il sito e realizzato il Museo fra le Nuvole di Reinhold Messner inaugurato nell'estate 2002. Non bastasse sullo sfondo si erge maestoso il Pelmo al tramonto: più bellunese di così... E poi la didascalia che accompagna l'immagine: Arte e cultura, in Trentino Alto Adige la natura è un capolavoro che crea capolavori.


L'UMILIAZIONE
Un colpo allo stomaco per chi come il sindaco Mattia Gosetti è tanto legato a quel territorio da averlo scelto per viverci e tanto si impegna nel valorizzarlo. «Quell'immagine mi è stata segnalata da tantissimi - spiega Gosetti -, immagine che ha avuto una larga diffusione, è molto deludente che un luogo così riconoscibile, patrimonio del Bellunese e in particolare del comune di Cibiana, edificio restaurato dalla Regione Veneto, venga utilizzato per fare promozione ad altro territorio». Una immagine replicata dai social che Gosetti ha tentato inutilmente di collocare per capire chi e come l'ha resa pubblica: «Vorrei contattare i consorzi turistici trentini per capire cosa sia successo con una certezza: per noi è umiliante che un sito così caratteristico della nostra offerta turistica venga usato da altro territorio. Ma poi mi dico: se una persona vedendo quel panorama fosse interessata alla visita mette Monte Rite sul navigatore e arriva in provincia di Belluno, in quel di Cibiana non certo in Trentino».


DIBATTITO SOCIAL
Un grosso errore e i commenti sui social non si sono fatti attendere. Da chi vede il bicchiere mezzo pieno «se vengono qua da noi grazie alle loro promozioni direi che va tutto bene» «evidentemente i nostri monti sono i più bei capolavori delle Dolomiti» a chi lo vede mezzo vuoto «noi a promuovere non siamo capaci» e il dibattito è destinato a continuare.


IL GIALLO
Il sindaco Mattia Gosetti non vede in questo un'azione contro altra Regione confinante: «Confido possa essere un errore in buona fede ma mi informerò per cercare di capire l'autore di tale errore e fare in modo che fatti analoghi non succedano più perché così viene ferito l'orgoglio dei cittadini che tanto tengono al proprio territorio. Quello è il balcone panoramico sulle Dolomiti Bellunesi patrimonio Unesco, uno fra i più belli e suggestivi fra tutti i panorami montani mondiali. Sicuramente è un elemento che fa gola ma è universalmente riconosciuto parte del nostro patrimonio montano».


LA PUBBLICITÀ
In attesa di capire non resta che prendere atto di quanto accaduto e vedere il bicchiere mezzo pieno, pubblicità gratis al Rite. A proposito di svarioni, per pubblicizzare eventi a Cortina si issarono grandi cartelloni pubblicitari con le montagne di Madonna di Campiglio, Trentino, più recentemente per lanciare i mondiali di sci del 2021 sul sito dedicato comparvero montagne tedesche. Come dire: l'errore è sempre dietro...la montagna.
 

 

Ultimo aggiornamento: 16:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci