«Riposo e cibi leggeri»: il consiglio
del medico a Paolo. Poi l'infarto

«Riposo e cibi leggeri»: il consiglio
​del medico a Paolo. Poi l'infarto

di Olivia Bonetti

BELLUNO - Dimesso giovedì dal pronto soccorso con un codice verde, oggi pomeriggio gli fanno il funerale. È fissato per le 16 nella chiesa di Bolzano Bellunese l’addio a Paolo Da Rold, 44 anni, trovato senza vita venerdì mattina probabilmente per un infarto. L’uomo giovedì mattina era andato al pronto soccorso dell’ospedale San Martino, dove lavorava come tecnico manutentore. Avvertiva uno strano dolore alla bocca dello stomaco. Dopo l’accesso con un codice giallo il medico ha disposto un’ecografia addominale. Ma l’esame non ha riscontrato anomalie. È stato mandato a casa con codice verde: «Mangi in bianco, riposi e prenda la Tachipirina al bisogno». Giovedì sera intorno alle 10 Paolo è stato stroncato da infarto mentre era a letto a riposarsi. La famiglia ipotizza che il grosso infarto che non gli ha lasciato scampo fosse già in atto quando Paolo è andato a farsi vedere al pronto soccorso e hanno presentato un esposto in Procura sapere la verità...
 

 
 


 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 31 Agosto 2016, 10:56






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Riposo e cibi leggeri»: il consiglio
del medico a Paolo. Poi l'infarto
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2016-09-01 00:48:11
Condoglianze alla famiglia.
2016-08-31 22:37:55
Strano non abbiano fatto un ECG, dovrebbe essere di routine in questi casi. Se di fronte ai sintomi descritti volessi escludere l'infarto, di certo non lo farei senza un tracciato ECG a conferma.
2016-08-31 17:54:45
Che i medici non abbiano capito fosse un infarto mi pare molto probabile senza essere un medico. Il dolore alla bocca dello stomaco è un sintomo, e la morte per accidente cardiaco avvenuta poche ore dopo non fa che sostenere l'ipotesi. Non so quale sia la procedura in casi del genere, ma secondo me se il medico ritiene sia al 95% gastroenterite a al 5% infarto, deve accertare ancora finchè quel 5 non diventa 0.05. Se non lo fa ed era proprio quello, il paziente muore.
2016-08-31 12:14:19
e' stata fatta un'autopsia inviterei tutti (giornalisti compresi)ad aspettare l'esito delle risultanze prima di parlare a vanvera
2016-08-31 12:12:12
quanti ce ne sono stati di casi simili....quante morti assurde !!! gli esami DOVEVANO essere piu' approfonditi....e non lo dico con il senno di poi....DOVREBBE ESSERE LA NORMALITA' !!! elettrocardiogramma....etc etc..... UNA SEMPLICE ECOGRAFIA, NON PUO' ESCLUDERE altre patologie in atto... e la NORMALITA', dovrebbe essere anche un giorno in OSSERVAZIONE....MA IN OSPEDALE....non a casa E TI ARRANGI !!! purtroppo sono le solite "ripercussioni" sulla pelle dei cittadini !!! e mi potrei dilungare anche sull' affollamento sia dei pronto soccorso che delle corsie degli ospedali.... MAGARI PER CURARE risorse preziose che se si sono presi a botte !!!! e cosi' si impegnano uomini e mezzi di soccorso, a danno dei soliti.... UNA VERGOGNA INFINITA !!! soprattutto perche' NON VOGLIONO PRENDERE provvedimenti drastici che siano in modo ben efficace un deterrente per chi ha voglia di prendersi a bottigliate in testa o a coltellate, riducendo le nostre strade e quartieri a zone da Far West !!