Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«Il monumento a Del Vecchio venne già bocciato dalla Soprintendenza: avrebbe distratto gli automobilisti»

Sabato 9 Luglio 2022 di Raffaella Gabrieli
La montatura gigante davanti a Luxottica ad Agordo
2

AGORDO - A Lauriano nel Torinese, dove ha sede uno degli stabilimenti italiani Luxottica, il gruppo consiliare comunale di minoranza chiede un monumento in onore del patron Leonardo Del Vecchio da posizionare in uno dei punti viari di maggior frequentazione. Un'idea che corre sulla scia di quella avuta anche ad Agordo, nei primi anni 2000, e bocciata dalla Soprintendenza. "Fu una doccia fredda - afferma il vicesindaco di allora Sisto Da Roit - Il progetto, in onore dell'azienda di valenza mondiale ma con cuore ad Agordo, fu considerato un elemento di potenziale distrazione per gli automobilisti di passaggio. Nei nostri intenti c'era quello di posizionare un paio di occhiali Ray-ban, formato gigante, nella rotatoria della tangenziale che conduce alla sede della fabbrica in Luxottica. Ma così non fu e si declinò, per il quieto vivere, al collocamento all'ingresso dello stabilimento. Ce ne dispiacque allora e tanto più oggi, all'indomani della scomparsa del cavaliere che tanto ha fatto e dato per l'Agordino". E intanto l'amministratore delegato e neopresidente di EssilorLuxottica Francesco Milleri è stato nominato in queste ore presidente anche di Delfin, la "cassaforte" di famiglia. 

Il gruppo consiliare di minoranza "Lauriano e Piazzo Domani", interpretando la richiesta di molti cittadini, tra cui parecchi dipendenti Luxottica, ha proposto "di allestire, presso la cosiddetta "rotonda" in zona Polo di Lauriano, una scenografia simile a quella che si osserva ad Agordo, sede centrale di Luxottica, ovvero la rappresentazione di un'enorme montatura per occhiale e di intitolare la "rotonda" in memoria del fondatore di Luxottica, Leonardo Del Vecchio, recentemente scomparso". "Ciò - viene aggiunto dai consiglieri Emmanuele Serlenga, Renato Dutto ed Ezio Bertolo - rappresenterebbe un suggello della fondamentale importanza che lo stabilimento Luxottica riveste per il nostro territorio e anche un modo per manifestare la gratitudine collettiva per la ricchezza e la prosperità che questa importate azienda ha apportato e ancora garantisce alle nostre realtà locale e zonale".  Era il vice del sindaco Renzo Gavaz, in carica tra il 2004 e il 2014, quando l'idea prese piede. Sisto Da Roit, sindaco a sua volta tra il 2014 e il 2019, ricorda come "volevamo rendere omaggio a Del Vecchio e a Luxottica. L'idea fu, appunto, quella di posizionare un paio di occhiali giganti in un punto strategico della viabilità e vicino all'accesso della fabbrica. Ma la Soprintendenza ce la bocciò: troppo pericolosa. Come se una scritta "benvenuti ad Agordo" disegnata su un'aiuola, ad esempio, potesse attrarre meno l'attenzione del pubblico".

Il "niet" da Venezia risultò ben presto insuperabile. "Fu così - aggiunge Da Roit - che Luxottica, nella figura del vicepresidente Luigi Francavilla, tirò i remi in barca e decise di porre il monumento all'entrata dello stabilimento, in posizione comunque visibile". "Agordo, l'Agordino e l'Italia intera - sottolinea l'ex primo cittadino - con Del Vecchio perde un imprenditore illuminato e lungimirante. Nei nostri confronti, poi, sempre disponibile a qualsiasi richiesta". "L'auspicio - sottolinea Da Roit - è che il suo profondo legame al territorio venga ereditato da chi lo seguirà nella direzione dell'azienda. Anche se, onestamente, mi rendo conto che a parte i primi tre figli nessun componente della nuova generazione Del Vecchio né tantomeno i manager hanno vissuto in loco e condiviso con dipendenti, amministratori e cittadini le sorti della fabbrica e del paese. Inevitabilmente, quindi, il rapporto sarà meno intenso". Da Roit ricorda che la componente della famiglia che più si è trattenuta in loco, fino a qualche anno fa, è stata la prima moglie di Leonardo, Luciana Nervo: "Che emozione quando venne in municipio a donarci degli immobili affinché venissero usati a fini sociali".

Ultimo aggiornamento: 17:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci