Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Crollo sulle Dolomiti, distacco sul monte Pelmo. Nello stesso punto dove nel 2011 morirono due volontari del Soccorso alpino

Scarica detritica tra Passo Staulanza e la forcella di Vallazza, nello stesso punto dove persero la vita Alberto Bonafede e Aldo Giustina

Martedì 9 Agosto 2022
Crollo sul monte Pelmo: una nuvola di fumo bianco si leva dalla montagna. Soccorsi in azione
4

BELLUNO - Crollo sul Pelmo questa mattina, martedì 9 agosto 2022: intorno alle 7.40 si è verificato un distacco sulla parete ovest della montagna. Una nuvola di fumo si è alzata in Val Fiorentina e in Val di Zoldo, nei comuni di Selva di Cadore-Val di Zoldo. Le scariche stanno continuando.

Non sembra che vi siano persone coinvolte: gli escursionisti che dovevano partire per i rifugi, al momento del distacco, dovevano ancora mettersi in cammino e non risultano neppure segnalazioni di persone disperse. Sul posto i vigili del fuoco del Bellunese e l'elicottero Drago di Venezia per verificare la situazione in quota.

Dove è avvenuto il crollo?

Tra Passo Staulanza e la  forcella di Vallazza, è qui che è avvenuto l'enorme distacco detritico, dopo le sette e mezza della mattina. Si tratta dello stesso punto nel quale nel 2011 si verificò un altro crollo, quella volta morirono due soccorritori. Era il 31 agosto 2011 quando si originò il grande crollo che costò la vita ad Alberto Bonafede e Aldo Giustina, i due soccorritori impegnati in un intervento sulla via Simon Rossi.

Video

IL VIDEO

Le immagini del crollo sul Monte Pelmo riprese da un turista straniero, in questo video ripostato da un nostro lettore. Il crollo è stato ripreso da molte persone in cammino nelle vicinanze e dal Rifugio Città di Fiume, che si trova proprio di fronte al punto di distacco. Il materiale roccioso, che ha sollevato una grande nuvola di polvere, è arrivato sul ghiaione sottostante senza interessare il sentiero e senza coinvolgere persone di passaggio. 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Romolo Del Zenero (@romolodelzenero)

Ultimo aggiornamento: 10 Agosto, 10:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci