Strage di mucche nella "fattoria modello": le cause sono un giallo

PER APPROFONDIRE: cortina, edema, mucche, pascoli, strage
Sara Zardini e Anna Finotto

di Alessia Trentin

CORTINA - Le mucche sono morte tutte di edema polmonare. Praticamente soffocate. Sono sconvolte Sara Zardini e Anna Finotto, le due giovani che reggono l'azienda Alpe Cortina costruita dalle Regole d'Ampezzo in località Socol. Le indagini sono in corso e, finchè non arrivano risposte certe, i dubbi e le ipotesi si sprecano. «Non sappiamo nulla spiega Zardini -, se non che l'Usl ha escluso un virus e il botulino. L'istituto zooprofilattico sta lavorando in due direzioni: quella del veleno, non meglio specificato, e quella dei diserbanti. Gli altri animali per fortuna stanno bene, anche il cavallo che per natura è più delicato». L'episodio risale a domenica 8 ottobre. Il primo a morire, all'alba, è stato un vitello seguito nel giro di poche ore da quattro mucche. Una sesta è stata abbattuta nel pomeriggio, perché in evidente stato di sofferenza.

Una "strage", consumatasi tra le mura della stalla super moderna di Soccol e a cui sono scampati gli altri capi: una ventina di vacche, cavalli, capre e galline; una selezione che rende ancora più complicato capire cosa abbia provocato la morte degli animali. «Attorno alle 4 ho chiamato il 118, ma non è intervenuto nessuno spiega Zardini -, poi alle 6.30 è arrivato il veterinario di Dobbiaco che ha cercato di disintossicarle, ma senza ottenere risultati e alle 9 è stato raggiunto dai tecnici dell'istituto zooprofilattico». Le sei carcasse sono state sottoposte ad autopsia e in questi giorni l'istituto zooprofilattico si sta concentrando sull'analisi dei campioni prelevati dai rumini delle bestie. A provocare la morte è stato di certo qualcosa di ingerito nel cibo, probabilmente attraverso il foraggio. Cosa non si sa.

«Dopo domenica abbiamo riportato l'ordine in azienda, ma la produzione di jogurt e dessert è stata sospesa prosegue la ragazza mentre tutti i prodotti già realizzati sono stati messi sotto sequestro. Nei prossimi giorni produrrò del formaggio e poi lo farò analizzare per capire se sia contaminato da qualcosa. Finchè non abbiamo i risultati delle indagini non ci sbilanciamo a ipotizzare nulla, certo è che l'accaduto ha sorpreso gli stessi veterinari». Il presidente delle Regole d'Ampezzo, Flavio Lancedelli, esclude con convinzione l'ipotesi di dolo. «Non abbiamo idea di cosa sia successo ma escluderei il dolo commenta -, a giorni dovrebbero arrivare i risultati delle analisi, a quel punto capiremo». L'episodio non è stata solo una perdita economica e un affronto alla serenità della vita in fattoria, per le due allevatrici. Le mucche e il vitello erano come componenti della famiglia.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 17 Ottobre 2017, 05:01






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Strage di mucche nella "fattoria modello": le cause sono un giallo
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 9 commenti presenti
2017-10-18 19:18:39
Anche mia nonna aveva un maiale che ''era come uno di famiglia''. Alla fine è stato un po' come mangiarsi un fratello....!!
2017-10-18 15:12:49
Secondo me è stato il sushi,facendo parte del nucleo familiare le hanno portate fuori a cena anche se non è stato scritto nell articolo. Potrebbero già far causa al ristorante e nel frattempo mangiare qualche buona bistecca invece di lasciare che quelli delle autopsie se le taglino e le mettano a frollarsi nel freezer
2017-10-18 09:44:36
## NON sono stato io. A me le vacche piace rubarle,durante la transumanza,quella che viene chiamata la nobile arte dell'abigeato,e che mi fu trasmessa dal Nobile Suleyman Ahmed Yassim EL Raisuri (detto IL Magnifico),vero difensore dei Credenti.
2017-10-18 09:13:53
"Le mucche e il vitello erano come componenti della famiglia?" Ma per piacere.... quando è che macellate la nonna?
2017-10-17 19:48:21
Sicuramente è colpa de lupi!