Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Cortina perde residenti, 190 cittadini in meno in tre anni. Cosa sta succedendo

Martedì 16 Agosto 2022 di Marco Dibona
Cortina perde residenti, 190 cittadini in meno in tre anni. Cosa sta succedendo
3

CORTINA D'AMPEZZO - E' ponderoso il documento unico di programmazione del Comune di Cortina d'Ampezzo: sono 81 pagine, approvate nel recente consiglio comunale, con nove voti del solo gruppo di maggioranza; tre astensioni e una contrarietà nei tre gruppi di minoranza. Il documento traccia un sintetico quadro della situazione attuale dell'amministrazione e delinea strategie e modalità di esecuzione per il futuro.

TRIENNIO A -190

Lo studio rileva, tra l'altro il forte calo demografico del paese, con 190 cittadini in meno in tre anni. Nel 2020 ci sono stati 85 morti, contro 23 nascite; 169 persone hanno lasciato il paese, 143 sono arrivate. In un solo anno si sono persi dunque 88 abitanti. Nell'analisi dei conti si evidenziano le entrate tributarie: nella previsione per il 2022 ammontano a 17 milioni 700 mila euro, che dovrebbero scendere a 15.515.962 nel 2023. Per la macchina amministrativa si fa riferimento al personale, che costa 3.5 milioni di euro l'anno; la pianta organica è di 91 posti, ma le presenze effettive sono 82. Da qui l'esigenza di provvedere a diverse assunzioni.

LA PISCINA ANCORA CHIUSA

Nella definizione degli obiettivi operativi si indicano diverse missioni, con i relativi fabbisogni. Appare di particolare importanza la missione dedicata a politica giovanile, sport e tempo libero. Qui rientra la piscina comunale di Guargné che è ancora chiusa per l'incapacità delle amministrazioni succedutesi di realizzarla concretamente. Si è pensato solo a prometterla. La soluzione individuata è rinforzare gli uffici tecnici, perché garantiscano le risorse umane necessarie al regolare svolgimento delle pratiche amministrative.

LA PISTA DI BOB

Ampio risalto alla pista da bob: «Questa squadra, con decisione e consapevolezza, ritiene che il vecchio rudere abbandonato andrà sostituito da un impianto moderno e plurifunzionale, imprescindibile all'interno del progetto olimpico 2026, ma al tempo stesso elemento di future opportunità sportive e turistiche. Il nostro presidio, di un gruppo realmente rappresentativo della comunità, sarà vigile nella progettazione e costruzione, affinché sia un impianto coerente con l'ambiente naturale e con la viabilità locale».

IMPIANTI SPORTIVI

Sono quindi elencati gli impianti sportivi di Fiames, sci di fondo, pista ciclabile, curling, tennis, calcio, palestra di roccia, stadio del ghiaccio. Per il turismo si confida nel volano avviato dalle Olimpiadi 2026, per una promozione coordinata della località e delle sue varie componenti. Altre missioni riguardano assetto del territorio ed edilizia abitativa; sviluppo sostenibile e tutela dell'ambiente; trasporti e diritto alla mobilità; soccorso civile; politica sociale e famiglia; sviluppo economico e competitività; lavoro e formazione professionale; agricoltura; energia e fonti energetiche; relazioni con autonomia locali; relazioni internazionali. Fra le opere pubbliche compaiono anche in questo documento temi ormai storici a Cortina: per il 2023 la sede delle associazioni di volontariato e il cimitero; per il 2024 Comun Vecio, bersaglio degli Schuetzen, illuminazione della pista ciclabile, piazza Azzurri d'Italia, fognature, museo dello sport, centro sportivo di Sopiazes. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci