Svolta epocale all'Agrario: convitto anche per le studentesse, «eliminata la discriminazione di genere»

Martedì 12 Aprile 2022 di Davide Piol
Stop alle discriminazioni: anche le ragazze staranno in convitto all'agrario

FELTRE  - «L’apertura del convitto alle ragazze era stata chiesta tempo fa, ma non si era mai arrivati a un risultato concreto. Oggi invece c’è maggior sensibilità sulla parità di genere». Flavia Monego, consigliera di Parità di Palazzo Piloni, commenta in questo modo l’importante risultato ottenuto a Feltre. Con un investimento della Provincia, pari a circa 70mila euro, è stato possibile riqualificare alcuni spazi all’interno dell’Istituto agrario Antonio Della Lucia di Vellai per cominciare ad ospitare le studentesse dall’anno scolastico 2022-23. Finora, infatti, le ragazze interessate a frequentare quella scuola dovevano arrangiarsi, a differenza dei ragazzi che trovavano ospitalità nel convitto. È partito tutto da qui. Da quella che la consigliera di Parità Flavia Monego ha definito «discriminazione indiretta di genere che favorisce i ragazzi invece che le ragazze». I primi potevano frequentare l’Istituto agrario e usufruire del convitto, le seconde no.

IL CASO
«L’input – ha continuato Monego – è arrivato dalle mamme di alcune studentesse che frequentano l’istituto che mi hanno sottoposto la questione per cui le ragazze che hanno bisogno del convitto si trovano a dover provvedere autonomamente tramiteo strutture private con un notevole aumento dei costi di alloggio e mancata supervisione da parte di educatrici». Così sono stati coinvolti il dirigente scolastico Ezio Busetto e tutti gli enti interessati per la definizione di un progetto che capovolgesse la situazione, permettendo anche alle ragazze di accedere al convitto: «È stato un lungo e proficuo lavoro che ha comportato la presa di coscienza riguardo all’esistenza di una discriminazione ma anche la volontà di superarla, attraverso un cambio culturale che andasse contro lo stereotipo per cui una scuola tecnica non possa essere scelta dalle ragazze».

LA SENSIBILITÀ
L’apertura del convitto agli studenti di entrambi i sessi era stata chiesta tempo fa ma, a causa di diverse problematiche e difficoltà, l’obiettivo non era mai stato raggiunto. Almeno fino ad oggi: «Mi piace pensare – ha concluso Monego – che ci sia una maggiore sensibilità verso la parità di genere. Mi conforta. Il Convitto si farà all’interno della scuola e le ragazze avranno le stesse possibilità dei ragazzi». Nella conferenza di ieri mattina, a Palazzo Piloni, era presente anche Lucia Da Rold, consigliera con delega all’Edilizia Scolastica. «Il progetto – ha raccontato – era iniziato con la precedente amministrazione e vede la sua attuazione oggi. È stato raggiunto un importante traguardo per dare risposta ai bisogni sottolineati dalle mamme di ragazze che volevano frequentare questa scuola ma che non trovavano un riscontro alle loro necessità».

IL PROGETTO
La Provincia ha colto l’opportunità al volo e dopo un attento studio degli uffici, con la dirigente Wanda Antoniazzi che ha seguito tutte le fasi progettuali, è arrivata a individuare una parte della scuola di Vellai da adeguare a convitto per le ragazze. L’investimento, di circa 70mila euro, servirà ad acquistare i materiali e creare gli ambienti necessari per la permanenza delle studentesse. Non c’è ancora una data di inizio lavori ma Da Rold ha specificato che partiranno a breve e finiranno entro il nuovo anno scolastico. «Le ragazze hanno già avuto conferma dall’Istituto e potranno alloggiare nel convitto». Una notizia positiva per diversi motivi. Non solo perché le ragazze troveranno spazio all’interno dell’Istituto (adeguato finalmente agli standard del 21esimo secolo) ma anche perché potranno dormirci dentro. Una delle proposte – poi abbandonata – era infatti quella di ospitarle nei locali dell’ex seminario di Feltre. Da settembre potranno iscriversi all’Istituto e avere le stesse possibilità dei compagni.

Ultimo aggiornamento: 07:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci