Lunedì 18 Febbraio 2019, 11:11

Padola-Pusteria: Ecco il progetto. «Così darò una svolta al turismo»

PER APPROFONDIRE: comelico, padola, progetto, pusteria
Padola-Pusteria: Ecco il progetto  «Così darò una svolta al turismo»

di Andrea Ciprian

COMELICO SUPERIORE - Il Comelico è in trepidante attesa che il Ministero dei Beni Culturali dia il via libera al collegamento sciistico tra Padola e la Pusteria. C'è fermento tra gli operatori turistici della valle che ormai da anni attendono si possa dare il via a un progetto considerato vitale per la fragile economia locale. Si parla di opere già finanziate, ma sostanzialmente bloccate dal parere consultivo negativo dalla Sovrintendenza di Venezia. Ostacolo che si sta cercando di superare attraverso l'intervento...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Padola-Pusteria: Ecco il progetto. «Così darò una svolta al turismo»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2019-02-24 18:36:37
La Soprintendenza è un ente di garanzia verso noi cittadini tutti. Certi obbrobri che vediamo sono anche imposti dai politici che superano i pareri delle sopraintendenze. Sappiatelo. In questi enti non lavorano sfaticati o falliti come qualcuno si permette di dire, ma persone che hanno a cuore il bene comune e non gli interessi particolari di categorie che si impongono sulla montagna. meritano rispetto, come dovrebbero meritare rispetto i 26 milioni di euro, pubblici, che dovrebbero cadere sul Comelico nel fare gli interessi di un solo imprenditore altotesino. provate a pensare cosa e quanto potrebbero fare in Comelico con 26 milioni ben spesi a vantaggio di tutte le categorie economiche e specialmente dei servizi.
2019-02-20 09:46:34
Condivido il commento di Michelangelo79 sulla Soprintendenza e su tutti quegli enti pseudo-verdi (vedi Mountain Wilderness...) che mettono continuamente i bastoni fra le ruote per "salvare" sentimentalmente dei luoghi bellissimi, (che comunque rimarranno tali anche dopo un possibile minimo sviluppo turistico), senza pensare che prima degli alberi, delle montagne o della fauna locale ci sono persone che, per poter vivere in montagna, e quindi salvaguardarla, hanno bisogno di sviluppo e di lavoro altrimenti, soprattutto i nostri giovani del Comelico, saranno costretti ad abbandonarla, la montagna! Questi burocrati si facciano da parte! Subito! E lascino spazio alla nostra gente che sa come decidere sul proprio futuro! Abbiamo l'esempio edificante dei nostri vicini della Val Pusteria, che hanno saputo valorizzare il loro territorio anche con scelte "ardite" ma sempre nel massimo rispetto dell'ambiente. E perché a noi è negata questa opportunità? Mi auguro, e ci auguriamo tutti, che sia sbloccata al più presto altrimenti la gente del Comelico sicuramente reagirà con determinazione!
2019-02-18 23:29:21
La Soprintendenza è un ente burocratico dove si esprimono burocrati, architetti falliti nella libera professione ed obbligati al pubblico impiego, per questo contrari a prescindere ed incapaci all'inverosimile, vedesi a Venezia l'orrore dell'albergo in Piazzale Roma o lo scempio della copertura dello stadio del ghiaccio a Cortina....
2019-02-18 15:26:05
Stiamo parlando di quella stessa Sovrintendenza che dice no al collegamento Padola-Pusteria ma ha dato il benestare a quell'orrore di ampliamento dell'albergo in Piazzale Roma? Un cubo enorme di marmo che rappresenta un pugno nell'occhio del visitatore e dei pochi residenti veneziani rimasti.
2019-02-18 19:52:51
Non mi pare che Piazzale Roma sia un sito di grande pregio architettonico e un gran biglietto da visita per la citta', il cubo non e' sicuramente la cosa peggiore.