Martedì 2 Aprile 2019, 11:08

Gino lascia il suo cinema dopo 67 anni di lavoro: va in pensione a 92 anni

PER APPROFONDIRE: belluno, cinema, luigi tonon, santo stefano
Gino lascia il suo cinema dopo 67 anni di lavoro: va in pensione a 92 anni

di Lucio Eicher Clere

SANTO STEFANO - L'ultimo film di Gino Tonon. Domenica sera il Cinema Piave di Santo Stefano ha visto chiudersi un'avventura durata 67 anni. Il gestore della sala, il novantaduenne Luigi Tonon, detto Gino, ha passato la mano al figlio Paolo, perché continui quello che è stato il suo impegno dal 1952 in poi. Nessuna cerimonia, nessun clamore, solo la conclusione, con il 31 marzo 2019, di una titolarità d'impresa che sicuramente è da guinnes dei primati. Gino, con il fratello gemello Mario, era salito da Carpesica a Padola per aprire una attività di bar e ristorante, nel retro dell'edificio una sala da cinema. Una novità assoluta per un territorio che non aveva mai conosciuto le proiezioni su grande schermo. Erano gli anni dei film di De Sica, Visconti, del primo Fellini, dei colossal americani quali Ben Hur, del commovente Marcellino pane e vino. La sala di Padola si riempiva soprattutto nei fine settimana. Nel 1954 il Comune di Santo Stefano bandiva una gara per la gestione del bar e cinema Piave e così Gino scese da Padola a Santo Stefano iniziando l'avventura che ha segnato la vita sociale del centro comeliano. 
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Gino lascia il suo cinema dopo 67 anni di lavoro: va in pensione a 92 anni
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2019-04-02 19:27:48
comincio a pensare che quel figlio abbia qualche problema per lasciar lavorare quel povero vecchio fino a 92 anni.
2019-04-02 16:46:43
Caro Gino non puoi chiuderti a vita in una sala cinematografica. Cosa ne e' stata della tua esistenza??
2019-04-04 10:09:32
l'amore e l'abnegazione per una professione puo' essere stata per lui pienamente appagante nella vita