Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Cigni affamati e a rischio morte sul lago ghiacciato: il sindaco vieta i soccorsi

Giovedì 30 Novembre 2017
Una famigliola di cigni. Nel lago di Mosigo in comune di San Vito di Cadore gli animali rischiano di non farcela
24

BELLUNO - Qualcuno salvi i cigni di San Vito di Cadore. Una famiglia con quattro piccoli rischia di morire. Il lago Mosigo è ghiacciato, salvo una piccola pozza dove fino a ieri gli animali riuscivano ad abbeverarsi, ma quando il freddo non permetterà più alcuna breccia sul grosso strato di ghiaccio gli animali resteranno senza cibo e acqua.
Lo scorso anno, nella medesima situazione, una femmina non superò l’inverno, morendo di stenti. La popolazione del comune si è mobilitata perché questo non riaccada. Un gruppetto di cittadini ha chiesto l’intervento della polizia provinciale, quindi di un’associazione animalista esperta nella cattura di selvatici, quindi dell’Ispra e del sindaco ma nulla. Anzi, il primo cittadino ha severamente vietato agli animalisti di portare cibo ai sei uccelli acquatici. Politica e istituzioni sono sorde, ma la comunità non si arrende. 
 
 

Ultimo aggiornamento: 1 Dicembre, 09:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci