Chiesa in bilico sul dirupo: trovati strati di roccia che potrebbero salvarla

Domenica 4 Luglio 2021 di Lauredana Marsiglia
La chiesa di San Martino Vescovo
4

VALLE DI CADORE - I rilievi sono ultimati e forse le preghiere del sindaco Marianna Hofer, nel suo lungo cammino di fede verso Santiago de Compostela, sono ritornate sotto forma di roccia. Quella trovata sotto la chiesa di San Martino Vescovo, chiusa ormai dal 12 febbraio scorso perché in bilico su un versante franoso che rischia di trascinarla con sé.


UNA BUONA NOTIZIA
«I rilievi sismici - spiega la Hofer - hanno evidenziato la presenza di roccia, questo ci fa ben sperare, anche se per capire di che tipo di roccia di tratti sarà necessario procedere con dei sondaggi tradizionali. E’ comunque una notizia che ci fa ben sperare. Mercoledì avrò un incontro il vescovo Renato Marangoni e l’ingegnere del Comune Siro Andrich per fare il punto su come proseguire». La presenza di materiale solido sotto la chiesa è stata rilevata nel corso delle indagini compiute da un team composto da esperti dell’Ateneo di Parma, dell’Istituto nazionale di oceanografia e di geofisica sperimentale di Trieste. Nel corso della lunga campagna di rilievi è intervenuta anche l’Università di Vienna.


RISULTATI COMPLETI
«I risultati completi dei rilievi - spiega la Hofer - saranno pronti tra 10-15 giorni. Solo allora potremmo avere un quadro più preciso della situazione che andremo ad affrontare». Trovare roccia stabile significherà poter pensare ad un progetto di recupero dell’edificio attraverso sistemi di ancoraggio. Diversamente la chiesa non potrà avere grandi speranze. Non era comunque scontato che nelle viscere del grande corpo franoso potessero trovarsi stratificazioni solide. Una presenza rilevata attraverso misurazione elettriche e sismiche che hanno fornito una fotografia tridimensionale del sottosuolo.


L’ENTE PROVINCIA
«Per noi è una prima buona notizia - afferma il sindaco -. Ora bisognerà attendere la relazione finale dei rilievi e decidere di procedere con dei sondaggi mirati per capire di che tipo di materiale si tratti». Un altro intervento di notevole spessore. A chi spetterà eventualmente eseguirlo? «Ma, la legge è chiara - prosegue la Hofer - questo è di competenza dell’Ente Provincia». La settecentesca chiesa di Valle, intanto, resta avvolta nel silenzio. Anche le campane sono state zittite; un provvedimento preso dal vescovo nel timore che le vibrazioni potessero peggiorare la già critica situazione. La strada per una soluzione resta comunque ancora incerta e molto lunga. Un primo segnale positivo è arrivato, ma non basta ancora per cantare vittoria.

 

Ultimo aggiornamento: 17:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA