Casa di Tiziano Vecellio, l'idea di un circuito con i siti di Giorgione a Castelfranco e Canova a Possagno

Giovedì 12 Agosto 2021 di Giuditta Bolzonello
La casa natale di Tiziano Vecellio: la Magnifica comunità del Cadore ora promuove il sito in collaborazione con Possagno e Castelfranco
1

PIEVE DI CADORE - Passa per un accordo di programma, che sta concludendo le adesioni, il progetto di promozione e valorizzazione di Casa Tiziano a Pieve di Cadore. La casa natale del grande Vecellio il prossimo anno festeggerà il centenario dal riconoscimento quale Museo Nazionale; per l’occasione la Magnifica Comunità di Cadore sta programmando tutta una serie di iniziative anche in sinergia con altre realtà venete che possono vantare analoghe celebrità nel mondo dell’arte. 

I PARTNER
Come spiega il direttore dei musei della Magnifica, Matteo Da Deppo, «da Natale stiamo lavorando con Castelfranco e Possagno per unire non solo le case di grandi artisti, ma anche per la promozione condivisa dei territori». E così ecco che da Castelfranco, dove c’è la casa di Giorgione, a Possagno dove è nato Antonio Canova, e dove una ricca collezione di gessi racconta l’opera dello scultore, per arrivare a Pieve di Cadore patria di Tiziano, si tessono contatti e strategie fondamentali per la conoscenza e la valorizzazione dei contesti. L’accordo sarà firmato a Venezia a settembre perchè sostenuto fortemente dalla Regione, convinta della bontà del progetto di “collaborazione e promozione in forma associata di azioni ed iniziative tra il Museo Gypsotheca Antonio Canova, il Museo Casa Giorgione e il Museo Casa Tiziano”. Tutte realtà già molto impegnate nella divulgazione che hanno subito trovato la miglior sintonia per “promuovere la conoscenza dell’opera e dei luoghi natali dei tre artisti attraverso la condivisione delle rispettive programmazioni e il coordinamento delle attività promozionali anche per estendere la visibilità nazionale ed internazionale delle strutture museali e degli artisti”. 

L’OBIETTIVO
Fra gli obiettivi dell’accordo favorire le visite degli studenti, incrementare l’afflusso di visitatori, in modo particolare turisti internazionali e soprattutto “collegare la promozione museale con le altre peculiarità culturali ed ambientali di ciascun territorio comunale e dei comuni limitrofi”. Per Pieve l’occasione di celebrare il 100 anni del Museo Nazionale Casa Tiziano condividendo iniziative con i partner e garantendo così la più ampia visibilità. La Magnifica pensa anche a come rendere accessibile a tutti l’antica dimora, chi ha difficoltà oggi si deve accontentare del piano terra mentre la parte più significativa resta il primo piano raggiungibile però solo salendo una ripida scala in legno. Servono restauri anche al monumento che celebra Tiziano nell’omonima piazza, si procederà con un progetto complessivo, ma servono almeno 100mila euro; allo scopo gli uffici si stanno impegnando alla ricerca delle risorse partecipando ad uno specifico bando.

Ultimo aggiornamento: 13 Agosto, 10:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA