Il farmacista Carlo Pirolo star per una sera con il "Risotto Munich" a Little Big Italy

Martedì 26 Ottobre 2021 di Daniela De Donà
Carlo Pirolo primo a sinistra

FELTRE - Little Big Italy parla bellunese. La rivelazione ieri sera in televisione, sul Nove (e sui canali internet di Discovery), nell'episodio registrato nello scorso luglio in Germania. A portarsi a casa il titolo di miglior ristorante di Monaco è stato il Risotto Munich che aveva come rappresentante Carlo Pirolo, titolare di 4 farmacie nella capitale bavarese, a iniziare dalla storica Löwen Apotheke, attiva dal 1624, nel centro storico. Il programma, una sorta di talent show della cucina, condotto dal ristoratore Francesco Panella, prevede che ogni puntata sia ambientata in una sempre diversa città del mondo, dove vengono individuati tre italiani residenti. Il loro compito è indicare quello che, a loro parere, è il posto dove si mangia meglio all'italiana. Alla fine viene scelto un ristorante vincitore, ma vince anche il selezionatore che lo ha scelto. Tant'è che Carlo Pirolo si è aggiudicato l'ambitissima bonus card, grazie alla quale per un anno potrà pranzare o cenare gratis nel locale prescelto e vincente nelle tre portate, con l'aggiunta del voto di italianità data dal conduttore Panella.


STORICA APOTHEKEA

Carlo Pirolo vanno i complimenti. E non solo per la puntata che lo ha visto vincente. È una delle sue farmacie, la Löwen Apotheke, a valere un riconoscimento: una struttura che ha visto lavorare architetti e artigiani bellunesi. Si affaccia, con le 4 vetrine, sulla Viktualienplatz, con il suo arredo di marmi italiani, di lampadari di Murano e i mobili ristrutturati dal bellunese Franco Dalla Rosa.


LA BIOGRAFIA

Carlo Pirolo nasce nel 1988 a Feltre. Risiede con i genitori a Belluno e dopo le scuole superiori intraprende gli studi di farmacia all'università di Trieste. A 24 anni si laurea e decide di continuare il percorso di formazione in Germania per imparare la lingua tedesca prima a Berlino, poi a Dresda e infine a Heidelberg. Mentre attende che la sua laurea italiana venga riconosciuta dallo stato tedesco lavora come fattorino/garzone presso la più grande farmacia di Berlino. Una volta conseguito il titolo viene assunto dal dottor Hannes Proeller fin da subito come direttore di una delle sue farmacie, la Rosen Apotheke di Augsburg. Proeller (farmacista e attore di teatro) sarà personaggio chiave nel percorso di Pirolo, quasi un mentore, suo ispiratore nel modo in cui gestire l'attività commerciale e medica all'insegna della simpatia.


SOGNO REALIZZATO

Carlo acquisisce credibilità dagli istituti finanziari tedeschi e compera la sua prima farmacia: la Rothenberg Apotheke di Friedberg, passando poi alla St. Jakobus Apotheke di Nordendorf, fino ad arrivare a Monaco di Baviera dove acquista la Hans Mielich Apotheke. Appena trentenne raggiunge quello che definisce il mio sogno vincendo la gara di vendita della Löwen Apotheke.


IL FRATELLO DESIGNER

Non poteva mancare il supporto all'attività del fratello Giorgio (disegnatore di vetture avveniristiche da milioni di euro) come business Angel di Frangivento Automobili. Il sostegno è ben visibile anche nella farmacia di Monaca: una vetrina viene dedicata infatti al brand Frangivento.


TALENTI FAMIGLIARI

Per completare il quadro famigliare, avevano fatto parlare di sé anche papà Giulio e la sorella Lucia, entrambi medici di famiglia, impegnatisi personalmente nella campagna vaccinale del Covid a bordo di una Autobianchi Giardiniera del 1972 allestita con la livrea da automedica, con cui si presentavano nelle case di persone anziane per provvedere alle operazioni di rito. Ma per una volta, è stato Carlo la star della famiglia, grazie al programma del canale Nove andato in onda ieri sera.

 

Ultimo aggiornamento: 27 Ottobre, 10:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA