Lunedì 10 Settembre 2018, 21:11

Sciopero al carcere di Baldenich: scatta il “digiuno” degli agenti

Il carcere Baldenich di Belluno

di Olivia Bonetti

IL CASO
BELLUNO Da ieri gli agenti di polizia penitenziaria in servizio nella casa circondariale di Baldenich non si siedono a mensa. Per protesta contro la mancata soluzione della questione dell’Articolazione di tutela di salute mentale, che è all’interno del carcere, hanno deciso di disertare la mensa obbligatoria di servizio. Non è uno sciopero della fame: i poliziotti portano per i pasti i loro generi alimentari dall’esterno. Ma, non potendo scioperare, spiegano le organizzazioni sindacali, gli agenti esprimono il loro dissenso evitando di usufruire della mensa loro riservata. Ieri l’adesione è stata totale: nessun agente si è seduto a mensa. L’agitazione proseguirà a tempo indeterminato.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Sciopero al carcere di Baldenich: scatta il “digiuno” degli agenti
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER