Caos neve a Cortina, scatta l'ora dello scaricabarile: tutti assolti

PER APPROFONDIRE: cortina, neve, scaricabarile
Caos neve a Cortina, scatta l'ora
dello scaricabarile: tutti assolti

di Alessia Trentin

BELLUNO - E il giorno dopo va in scena lo scaricabarile. Teatro principale: il vertice convocato dal prefetto a Belluno dopo il clamore suscitato da una Cortina bloccata e isolata da alcune decine di centimetri di neve. Tutti a puntare il dito sulle responsabilità, degli altri naturalmente: gli automobilisti incapaci di montare le catene, la viabilità ferma a 50 anni fa, le scarse risorse, le strade strette. E via elencando. Ma alla fine prevale la linea dell'assoluzione collettiva, con il prefetto Francesco Esposito che, anche per placare gli animi, invita ad allentare le polemiche e garantisce che per «Capodanno tutto è pronto». Nevicavate permettendo, verrebbe da pensare.

LEGGI ANCHE Basta sconti. Le gomme da neve non bastano: catene obbligatorie. E multe ai furbi
 


L'Anas, messo sotto accusa per la scarsa prevenzione e l'inadeguata gestione dell'emergenza, è fra i primi a giocare in difesa. Se l'Alemagna è andata in tilt e se Cortina era immobilizzata, assicura l'Anas, è per colpa dei camionisti sprezzanti delle regole e degli automobilisti incapaci. Prova ne sia che anche ieri i vigili del fuoco sono dovuti intervenire per liberare auto bloccate o finite di traverso sulla carreggiata. Ma neppure gli autotrasportatori intendono passare per i colpevoli. Dalla Confartigianato di Belluno tuonano: «L'incoscienza non ci appartiene - afferma irritato il presidente Daniele De Bona -. Avete perso di vista il vero problema di Cortina: una viabilità rimasta ferma alle Olimpiadi del 1956»...
 
 
 
 


 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 30 Dicembre 2017, 08:50






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Caos neve a Cortina, scatta l'ora dello scaricabarile: tutti assolti
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 61 commenti presenti
2017-12-31 21:49:46
Oggi ero a covtina...vi assicuro che sembra di essere negli anni 70 solo che le auto sono un metro più larghe ed un metro più lunghe. Aggiungiamo che i turisti sono incapaci di guidare sulle strade innevate e guidano come nei luoghi da cui provengono e il dado è tratto
2017-12-31 19:33:51
diamo la colpa alla Raggi
2017-12-31 16:01:16
claudio pros, abolire le Regioni!!!mi sa' che sei solo, la stragrande maggioranza non la pensa come te
2017-12-31 15:34:29
Per Copppertone – Personalmente sono in sintonia con la stragrande maggioranza delle persone che pressano per abolire subito tutte le Regioni (ordinarie, autonome e speciali), senza se e senza ma. Non vedo però alcuna contraddizione nell'appoggiare nel frattempo coloro che si trovano a disagio nelle attuali configurazioni regionalistiche, imposte nel 1970 dall'accordo DC e PCI, e vogliono comunque trovare soluzioni più confacenti passando almeno a Regioni a loro più consone (per i bellunesi, gli euganei, i polesani, i retoveronesi, i friulani del portogruarese, i ladini, i cimbri, si sa, la parola “veneto” non fa e non ha mai fatto per loro).
2017-12-31 09:36:02
Normale se nevica...Buon Anno!