Leitner, a Cortina la nuova cabinovia Freccia nel Cielo: investimento da 22 milioni

Lunedì 13 Gennaio 2020
1
Nuova cabinovia firmata Leitner ropeways a Cortina. L'impianto, 47 cabine da 10 posti che si muovono alla velocità di 6 metri al secondo e sono in grado di trasportare fino a 1800 persone all’ora alla stazione di Col Druscié, sostituisce il primo tratto della storica funivia Tofana – Freccia nel Cielo. Unica cabinobvia di Cortina, l'impianto ora rinnovato da oltre 50 anni rende accessibile una tra le cime più alte delle Dolomiti Patrimonio Unesco.

A fare gli onori di casa all'inaugurazione di sabato scorso c'erano Mario Vascellari, presidente di Tofana 2021 Srl, la società che gestisce l'impianto, e Luigivalerio Sant’Andrea, Commissario di Governo, chiamato a coordinare la realizzazione delle infrastrutture strategiche in vista dei mondiali 2021. Per l'evento iridato sono previsti investimenti per complessivi 100 milioni di euro, tra cui rientra anche la nuova cabinovia da 22 milioni. 





Realizzata in project financing da Tofana srl assieme a Leitner, la costruzione dell'impianto ha visto il coinvolgimento sinergico di più amministrazioni quali il Commissario di Governo, la Regione Veneto, la Provincia di Belluno e il Comune di Cortina, tutte orientate a garantire gli obiettivi del progetto sportivo Cortina 2021. 

Anche la stazione di partenza dell'impianto è stata completamente rinnovata. La copertura inclinata con diverse pendenze richiama visivamente al concetto di freccia, mantenendo una continuità ideale con la precedente struttura; ampie vetrate permettono una visuale aperta sulla grande piazza antistante. 





«Abbiamo realizzato quello che avevamo promesso», ha detto Vascellari. «Nonostante le ristrettissime tempistiche accordate al progetto e la perdurata avversa situazione meteorologica del mese di novembre, siamo riusciti a collaudare l’impianto nei tempi prefissati. Il tutto merito di un gran lavoro di squadra».

Per Anton Seeber, presidente di Leitner, la nuova cabinovia è la conferma di un rapporto di collaborazione con Cortina ancora più saldo: «Con convinzione abbiamo deciso di affiancare in qualità di partner tecnico con Leitner ropeways, Prinoth e Demaclenko, la Fondazione Cortina 2021, nella consapevolezza di come i Campionati Mondiali possano costituire a livello internazionale un’insostituibile vetrina dei nostri meravigliosi paesaggi, dell’ospitalità della comunità ampezzana e delle capacità delle aziende italiane».

  Ultimo aggiornamento: 14 Gennaio, 10:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA