Domenica 25 Agosto 2019, 17:48

Tragedia in ferrata sulla Schiara, alpinista muore: vola per 150 metri

Tragedia in ferrata sulla Schiara, alpinista muore: vola per 150 metri
BELLUNO - Stava cambiando il moschettone da una corda all'altra, scendendo dalla vetta della Schiara quando è caduto di spalle, precipitando per 150 metri. Non ha avuto scampo ieri Laurent Daniel Jullian, 53enne alpinista francese, precipitato di fronte ai compagni di escursione. Il gruppo di alpinisti esperti del club alpino di Lione era in discesa sulla Ferrata del Marmol, sulla parete sud della Schiara, dopo aver affrontato dalla prima mattina la Zacchi e la Berti salendo dal lato opposto. Dovevano dormire al rifugio Settimo Alpini, dove avevano passato anche la notte precedente. Ma la vacanza ieri pomeriggio è finita in tragedia. Per i sei amici, che hanno assistito alla caduta, è stata garantita l'assistenza psicologica dalla Usl. Difficoltoso, a causa della nebbia calata all'improvviso, l'intervento di soccorso e recupero della salma. Al lavoro sei uomini del Soccorso Alpino della stazione di Belluno, che alla fine, grazie a un momento di tregua dalla nebbia, sono riusciti a effettuare la missione in un paio d'ore.


CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Tragedia in ferrata sulla Schiara, alpinista muore: vola per 150 metri
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 9 commenti presenti
2019-08-26 13:13:00
"è stata garantita l'assistenza psicologica dalla Usl." per fortuna c'e' l'assistenza psicologica garantita dalla USL! Come facevamo quando non c'era?
2019-08-26 14:15:02
Si vedono i risultati di quando non c' era
2019-08-26 05:58:58
Non solo ormai i moschettoni devono essere 2 in due rami di corda diversi con dissipatore di energia di caduta,, ma per chi vuole spendere da 100 a 200 euro, ci sono altri moderni dispositivi che si applicanio al cavo di acciaio entro un certo diametro massimo, scorrono in salita, si bloccano in caduta eventuale che avvenga mentre i moschettoni scorrono liberi tra un fittone e l'altro.. Pure tamponi conici di materiale gommoso al passaggio di ancoraggio del cavo, parte superiore..dove impattano i moschettoni bruscamente in caso dicaduta e si potrebbero spezzare..Relativi filmetti sul web...non posso fare pubblicita'( o forse si' ??) ..ma in un data base , quel che e' stato inserito si puo' trovare interrogandolo per bene.Quel che non c'e' e'sicuro che non si trova.Per arrivare a migliorare, purtroppo , ci sono voluti incidenti di poveri entusiasti che ai tempi si assicuravano solo con un cordino da 8 millimetri passato attorno alla cintola ed un solo moschettone...pure senza casco. Permaggiore sicurezza unodelgrupposodovrebebpur eportare uno spezzone di vera corda da roccia, martello e uno o due chiodi ...a volte il cavo si trova atranciato o sepolto da ghiaia o neve dura.Oppure un neofita del gruppo va nel panico e meglio una legatura di sicura in piu'.Personalmente dovrei mettere qualche ex voto per grazia ricevuta, essendo partito proprio con le attrezzature insicure minimali primi anni 70.
2019-08-25 20:34:10
Se se e se..... nel senno di poi e' facile parlare, ma l'attimo di disattenzione, di leggerezza, o la semplice sfiga, sono sempre in agguato.
2019-08-25 19:44:41
I moschettoni sono due e uno dei due deve essere costantemente agganciato