Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Belluno: nessun ballottaggio, Oscar De Pellegrin sindaco al primo turno

Lunedì 13 Giugno 2022 di Redazione web
Oscar de Pellegrin e il suo team
2

BELLUNO - Nessun ballottaggio per l'elezione del sindaco di Belluno. Per una manciata di voti il candidato del centrodestra Oscar De Pellegrin supera il 50% e con il 50,73% (7.780 voti) e diventa sindaco al primo turno sconfiggendo i due avversari Giuseppe Vignato, che si è fermato al 30,51% (4.679 voti)  e Lucia Olivotto al 18,77 con 2878 voti. Grandi festeggiamenti a Belluno per l'importante risultato raggiunto. 

Spoglio:34 sezioni su 34

Oscar De Pellegrin (Fratelli d'Italia, Lega Salvini, Noi con Oscar)  7780 voti pari al 50,73%

Giuseppe Vignato (Partito democratico, Valore Comune, Vignato sindaco, In movimento Vignato) 4679 voti pari al 30,51%

Lucia Olivotto (Insieme per Belluno, Belluno bene comune)  2878 voti pari al 18,77%

Chi è il vincitore

Il nome di De Pellegrin è molto noto per il profilo umano che conferisce alle attività extra sportive e per i suoi risultati alle paralimpiadi. Ha partecipato a sei paralimpiadi vincendo sempre una medaglia di cui una d'oro. Ha inoltre vinto 70 titoli nazionali, ha fatto 11 record italiani e 4 record mondiali nelle discipline di tiro a segno e tiro con l'arco, iniziando la sua attività agonistica nel 1991di tiro con l'arco. Da quel momento ha collezionato ai Giochi Paralimpici il bronzo nella carabina 10 metri a Barcellona 1992 e il bronzo nella carabina cal.22 - 50 metri ad Atlanta 1996 nel tiro a segno; nel tiro con l'arco ha fatto se possibile ancora meglio, conquistando un oro a squadre e un bronzo individuale a Sydney 2000, un bronzo a squadre a Pechino 2008 e ancora un oro individuale quattro anni dopo a Londra, scegliendo la capitale britannica come l'ultima tappa di un fantastico viaggio sportivo. È ora presidente dell'Associazione sociale sportiva invalidi (Assi), consigliere federale e di residenza Fitarco (pochi lo sanno, ma Il tiro con l'arco è l'unica disciplina nella quale non ci sono distinzioni fra atleti disabili e atleti normodotati. Per questo motivo, i risultati ai fini delle classifiche Italiane, Mondiali e Olimpiche hanno lo stesso valore per tutti gli atleti). È membro del Comitato esecutivo del Coni. E' sposato e ha un figlio.

Video

Ultimo aggiornamento: 14 Giugno, 08:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci