Precipita per 20 metri in parete, compagno di cordata la trattiene: salvata dal soccorso alpino

Lunedì 22 Luglio 2019
3

CORTINA D'AMPEZZO - Paura in quota, ma lieto fine per tre alpinisti austriaci. Attorno alle 10 di lunedì 22 luglio, la Centrale operativa del Suem è stata allertata per una giovane alpinista precipitata mentre, prima di una cordata di tre amici, stava scalando la Via Costantini-Ghedina, sul Pilastro della Tofana di Rozes.

La ragazza, 26 anni, austriaca, era caduta per una ventina di metri e aveva sbattuto schiena e testa sulla roccia prima di fermarsi trattenuta dal compagno di cordata. L'elicottero del Suem di Pieve di Cadore, individuato il punto dell'incidente a circa metà via, ha calato in parete, a 2.400 metri di quota, medico e tecnico del Soccorso alpino dell'equipaggio, utilizzando un verricello di 70 metri. I soccorritori hanno prestato le prime cure all'infortunata, stabilizzandola. Imbarcata con una verricellata, la scalatrice, che aveva riportato un possibile politrauma, è stata trasportata all'ospedale di Belluno.

Ultimo aggiornamento: 15:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA