Martedì 1 Gennaio 2019, 22:39

Siringhe sporche di sangue a terra da 5 giorni: il recupero è "impossibile"

La fioriera vicino al circolo Acli dove sono state trovate le siringhe insanguinate

di Olivia Bonetti

Siringhe sporche di sangue ritrovate sulla fioriera di fronte al circolo Acli, a Campo: il recupero diventa un’impresa impossibile. Solo oggi (a distanza di 5 giorni) gli oggetti pericolosi saranno raccolti e smaltiti da chi di competenza. 
Lo ha assicurato il sindaco Serenella Bogana. L’incredibile storia, che vede al centro i limiti imposti dalla burocrazia a carabinieri e Comune, è stata raccontata da un socio del circolo, che ha voluto rendere pubblico quanto accaduto sabato mattina. Le due siringhe con ago sporco di sangue sono state notate da una donna che sabato mattina era a passeggio con il cane e ha chiamato subito i carabinieri. Stava semplicemente facendo il proprio dovere di buona
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Siringhe sporche di sangue a terra da 5 giorni: il recupero è "impossibile"
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2019-01-02 19:57:14
Siringhe e aghi usati vanno raccolti in appositi contenitori studiati in maniera che risulti impossibile pungersi. Ogni Ambulatorio o Farmacia dovrebbe esserne dotato, per cui sarebbe bastato che un Medico o un Infermiere di buona volonta', dotato di un paio di guanti monouso, e preso a prestito un contenitore, vi avesse riposto il materiale. Mi pare impossibile che ad Alano di Piave non vengano praticate iniezioni; e se qualcuno le pratica, come diavolo vengono abitualmente conferite le siringhe e gli aghi usati?
2019-01-02 11:41:01
Utilizzo e riutilizzo, all’insegna della produzione circolare... tutto merito del proibizionismo... qualcuno disse di studiare la storia, perche questa guerra è sempre stata persa...