«Trenta mila euro di eredità»: il parroco casca nel raggiro

Sabato 2 Novembre 2019 di Andrea Zambenedetti
Sacerdote truffato e disperato
7

Il telefono che squilla. La voce posata dall’altro capo della cornetta, accompagnata dall’eloquio fluido di chi è padrone della materia. Difficile dubitare davanti a una storia così ben congegnata. «La vostra parrocchia ha ricevuto un’eredità di 30mila euro. Ma per avere la cifra bisogna versare 450 euro a titolo di onorario per il notaio. Questa è un’operazione da fare subito perché altrimenti se passano i giorni poi non è più possibile riscuotere l’intera cifra». Messo sotto pressione il religioso ci riflette a fondo ma alla fine capisce che è meglio pagare subito. Corre alle poste ed effettua una ricarica Postepay da 450 euro. La truffa è servita.
RIAVVOLGIAMO IL NASTRO
L’episodio risale ai giorni scorsi in una delle parrocchie dell’Agordino. A cadere nella trappola del truffatore senza scrupoli un religioso, convinto telefonicamente da un finto notaio. Dopo quella telefonata il parroco realizza che è una grande opportunità. L’occasione per permettere alla parrocchia di tirare un po’ il fiato. Di mettere in campo qualche progetto per aiutare i più deboli. Insomma, ci sono tutti gli elementi per pensare che possa essere una buona occasione. Dopo essere andato alle poste, ed avere effettuato una ricarica da 450 euro ad una carta di credito ricaricabile, il parroco prova a chiamare il notaio ma è in quel momento che scopre che è stata tutta una truffa. A quel punto non c’è altra possibilità che chiedere aiuto ai carabinieri.
LA PRIMA COSA GIUSTA
Chiamare i carabinieri si rivela ben presto la prima cosa giusta in una vicenda nata male. I carabinieri si mettono al lavoro. Ricostruiscono i contatti telefonici, si mettono al lavoro anche per identificare chi abbia in mano quella carta ricaricabile. Non è un lavoro semplice ma nel giro di poco riescono a chiarire il contesto. A capire chi sia stato a orchestrare il raggiro. A finire nei guai un 35enne bolognese. V.A. le iniziali dell’uomo che dovrà rispondere dell’accusa di truffa.

Ultimo aggiornamento: 16:55 © RIPRODUZIONE RISERVATA