Controlli anti-Covid a Napoli, multati anche 36 ​negazionisti

Lunedì 30 Novembre 2020

Figurano anche «irriducibili negazionisti» tra i destinatari delle 36 sanzioni anti-Covid notificate nel weekend dalla Guardia di Finanza di Napoli che tra Napoli e provincia ha eseguito complessivamente 1.159 controlli. Provvedimenti sono stati presi dai finanzieri anche nei confronti di due contrabbandieri di sigarette e del titolare di una sala giochi, rispettivamente a Giugliano in Campania e Frattaminore, in provincia di Napoli, e nel rione San Tommaso del capoluogo partenopeo.

Video

A Pozzuoli sono stati sanzionati il titolare di un bar, un dipendente e un cliente, sorpresi senza mascherina mentre nella vicina Quarto, inoltre, i finanzieri hanno sanzionato cinque persone anche loro sprovviste degli obbligatori dispostivi di protezione individuale. In un esercizio commerciale gestito da cittadini di nazionalità cinese che si trova nel quartiere Gianturco di Napoli la Fiamme Gialle hanno sequestrato 7.800 tra scarpe ortopediche e antinfortunistiche prive del marchio Ce. Sanzionati, tra Palma Campania e Terzigno, nel Vesuviano, tre negozi, uno gestito da cittadini cinesi, che non esponevano all'ingresso il cartello che regola il numero massimo di persone ammesse e che dispone l'obbligo di utilizzo della mascherina. Sanzionato anche un cittadino del Bangladesh che vendeva al pubblico prodotti di ortofrutta senza guanti e mascherina di protezione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA