Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Von der Leyen a Bucha: «Qui abbiamo visto l'umanità andare in frantumi. Oggi inizia la vostra adesione all'Ue»

Venerdì 8 Aprile 2022
foto

Una lenta camminata col capo chino nella stradina di fango che porta a quei sacchi neri che hanno cambiato il volto di questa guerra, resuscitando i fantasmi del passato più buio: «Qui a Bucha abbiamo visto l'umanità andare in frantumi». Ursula von der Leyen parla sotto la pioggia con un corpetto antiproiettile e attorniata, assieme a Josep Borrell, da un gruppo di soldati delle forze speciali ucraine che con le loro divise mimetiche e i caschi si mischiano alla scorta. Davanti alle fosse comuni delle vittime della strage diventata simbolo delle atrocità perpetrate dei militari russi, la presidente della Commissione europea riflette: «Qui è successo l'impensabile. Abbiamo visto il volto crudele dell'esercito di Putin, la sconsideratezza e la spietatezza di chi ha occupato la città. Tutto il mondo è con Bucha oggi». Von der Leyen è arrivata a Kiev dalla Slovacchia in un treno dai colori giallo e azzurri, insieme all'alto rappresentante per la politica estera dell'Unione. Poi la visita a Bucha, a una cinquantina di chilometri dalla capitale, infine l'incontro con Zelensky. La conferenza stampa è nei palazzi del presidente ucraino, ormai un bunker militare. I controlli fanno ricordare a tutti, giornalisti per primi, che siamo nel pieno di una guerra. Via i cellulari perché, spiegano, i satelliti russi potrebbero intercettare esattamente il punto in cui si trovano i leader, e a quel punto il pericolo di vita sarebbe per tutti i presenti. Ai metal detector i soldati con i cani controllano ovunque e ci sono sacchi di sabbia sistemati proprio come in una trincea. Ognuno viene scortato in corridoi al buio, dove c'è solo una lampada da studio a terra che fa da bussola per orientarsi. Si entra prima in una stanza, poi in quella per la conferenza stampa. Qui ci sono le guardie di Zelensky che aspettano l'arrivo delle tre autorità. Due bicchieri d'acqua ai palchetti degli interventi vengono portati rigorosamente dai soldati. Il primo pensiero della leader europea in terra ucraina, affidato a Twitter, era andato all'attacco missilistico sferrato alla stazione di Kramatorsk, nel pieno dell'evacuazione dei civili: «È spregevole - aveva scritto von der Leyen - Sono sconvolta e offrirò personalmente le mie condoglianze al presidente Zelensky. I miei pensieri vanno alle famiglie delle vittime». Poi davanti ai microfoni un gesto simbolico forse destinato a segnare un nuovo capitolo per l'Unione. La presidente della Commissione mostra una cartellina con la bandiera europea e quella ucraina sulla copertina. Consegnandola a Zelensky dice: «L'Ucraina fa parte della famiglia europea. Abbiamo sentito molto chiaramente la vostra richiesta e siamo qui per darvi una prima risposta positiva: in questa busta c'è l'inizio del vostro percorso verso l'Ue, il questionario per l'adesione all'Unione, che andrà compilato, poi si dovrà fare la raccomandazione al Consiglio. Se lavoriamo assieme, potrebbe essere anche una questione di settimane».

Borodyanka, centinaia di cadaveri sotto le macerie: civili sepolti vivi nelle cantine dei palazzi bombardati. Zelensky: «Peggio che a Bucha»

La replica è perentoria: «Allora ci basterà una settimana», dice il presidente restituendole il sorriso. E a chi le chiede dell'inevitabile scontro tra Europa e Russia - nel caso Kiev entrasse in Ue con la guerra ancora in corso - von der Leyen risponde: «Sono profondamente convinta che l'Ucraina vincerà questa guerra, che vinceranno la libertà e la democrazia. Noi lavoreremo assieme all'Ucraina per ricostruirla, con investimenti e riforme. Tutto questo formerà il percorso dell'Ucraina verso l'Unione europea». Poi ricorda i cinque pacchetti di sanzioni senza precedenti già approvati. «E stiamo già preparando il prossimo. L'export verso la Russia è sceso del 71%, l'inflazione è attorno al 20% e cresce. La fiducia finanziaria nel Paese è ai livelli più bassi dal 1995 e le migliori menti stanno andando via assieme a più di 700 aziende private. I Paesi Ue hanno già congelato 225 miliardi di asset dall'inizio della guerra. La Russia decadrà da un punto di visto economico, finanziario e tecnologico, mentre l'Ucraina sta marciando verso un futuro europeo». Le armi fornite dall'Unione all'Ucraina sono anche queste.​

 

 

Ultimo aggiornamento: 21:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA