Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ucraina, boom di solidarietà degli italiani sui social: a disposizione case, cibo e trasporti per fuggire

La guerra è scoppiata e gli italiani mostrano il loro volto umano. Sui social le bacheche piene di annunci per cercare di aiutare in qualsiasi modo connazionali o ucraini bloccati nel conflitto

Sabato 26 Febbraio 2022
Ucraina, boom di solidarietà degli italiani sui social: a disposizione case, cibo e trasporti per fuggire

L'Italia mostra la parte umana e solidale del volto a concittadini e ucraini intrappolati nella guerra con la Russia.  La propria casa messa interamente a disposizione per chi si trovi in difficoltà e riesca ad arrivare in Italia dall' Ucraina, mezzi di trasporto per effettuare il tragitto dove sia possibile, proposte di invio di denaro, cibo, materiale di emergenza. È boom di solidarietà degli italiani: «Sono Federico un ragazzo di 24 anni di Milano. Forse sto solo vaneggiando perché è impossibile ma se ci fosse la necessità di portare qualcuno in Italia da qualche confine io mi rendo disponibile a partire. O fare qualsiasi altra cosa che possa dare una mano», scrive un ragazzo sul gruppo Facebook Italiani in Ucraina. E questo è solo uno dei post che stanno riempiendo le bacheche dei social.

Guerra Russia-Ucraina, scoppia la solidarietà italiana

«Sto cercando di organizzare se riesco un furgoncino e arrivare al confine Romania o Polonia con Ucraina -scrive un uomo in un gruppo chiamato 'Comunità italiani in Ucraina- per lasciare ciò che riesco a portare di prima necessità e riportare connazionali, ma voglio valutarne la fattibilità, sono a Mestre». E così molti altri nel nord Italia: «Ciao, io sono in provincia di Padova, posso ospitare una persona in casa o persona + bambino se conoscete qualcuno che abbia bisogno», è l'offerta di una donna.

Anche il sud dello stivale è pronto ad offrire il proprio aiuto, buttando il cuore oltre l'ostacolo: «Metto a disposizione qualche posto letto per chi ne è sprovvisto e vuole stare al sicuro, località Brindisi, so che è lontanuccio ma posso aiutare anche per il viaggio, oltre a tutto ciò che serve: vestiario, cibo e tutto. Non è tanto ma dove mangiamo in due possiamo mangiare in 3/4/5/6». L'Italia c'è.

Il ruolo delle associazioni

Ovviamente anche tutte le associazioni si stanno mobilitando per cercando di aiutare il più possibile i cittadini che sono in Ucraina. Tra queste l’associazione di volontariato Angeli In Moto non poteva rimanere indifferente di fronte a quanto sta succedendo in Ucraina. L’associazione  ha deciso, infatti, di sostenere l’iniziativa dell’associazione Salvamamme, con cui collabora da diversi anni, in una grande mobilitazione per portare aiuto a chi in questo momento è in fuga e vede stravolta la propria vita. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA