Trump ai leader del G20: «Voglio lavorare con voi per molto tempo. Intravedo un decennio straordinario»

Sabato 21 Novembre 2020
Trump ai leader del G20: «Voglio lavorare con voi per molto tempo. Intravedo un decennio straordinario»

Il presidente Usa Donald Trump porta la sua battaglia elettorale al summit G20: ai leader mondiali riuniti in teleconferenza sotto la presidenza saudita, il tycoon avrebbe detto di non vedere l'ora di lavorare con loro «per lungo tempo», intravedendo una «decennio straordinario». «È stato un grande onore lavorare con voi, e non vedo l'ora di continuare a lavorare con voi per un lungo periodo», avrebbe detto Trump secondo quanto riportato dal Guardian, che cita un audio ottenuto dall'Observer, continuando di fatto la sua campagna negazionista sul risultato delle elezioni del 3 novembre.

Il presidente Usa ha partecipato solo ad uno dei due eventi virtuali in programma nella prima giornata di lavori: le immagini circolate lo hanno mostrato distratto, con la testa abbassata e lo sguardo fisso su un oggetto sulla sua scrivania, probabilmente il cellulare.

Durante il discorso introduttivo di nove minuti del re dell'Arabia Saudita Salman, tutto incentrato sull'emergenza Covid, dall'account Twitter di Trump è spuntato l'ennesimo cinguettio sulle elezioni «truccate»: «Mostreremo i brogli, ampi e senza precedenti».

Quando è toccato a lui parlare, Trump ha lodato la sua America e sottolineato come sotto la sua guida il mondo sia diventato più sicuro, con una Nato rafforzata, l'Isis sconfitto e la battaglia al terrorismo che continua serrata. Sulla pandemia invece, al centro delle discussioni, il presidente ha ribadito il suo scetticismo sui lockdown e sottolineato ancora una volta il successo di 'Operation Warp Speed' sui vaccini, citando Pfizer e Moderna. Ma nessun accenno alla necessità di condividere e facilitare l'accesso ai vaccini per i Paesi più poveri, tema su cui gli altri leader si sono invece dilungati. A cominciare dal re Salman, che ha parlato della necessità di lavorare insieme per garantire un accesso equo al vaccino per tutti. 

 

Covid, bollettino oggi 21 novembre: nuovi contagi (34.767) e morti (692) in calo. Frenano le terapie intensive

Covid, Simona, incinta al sesto mese, perde il bambino e muore a causa del virus a 39 anni

 

 

Trump via in anticipo dal G20 per giocare a golf

 

Terminato il suo intervento, e mentre parlava il primo ministro britannico Boris Johnson, Trump si sarebbe congedato lasciando il suo posto al segretario al Tesoro Steven Mnuchin per andare a giocare a golf. L'ultimo forum internazionale in programma per la sua amministrazione poteva essere per Trump l'occasione per congedarsi dagli altri capi di Stato e di governo. Così non è stato. Anzi, con il suo atteggiamento, fra tweet e golf, ha confermato il suo scarso interesse per l'appuntamento. E lasciato gli altri leader basiti quando ha annunciato di voler continuare a lavorare ancora a lungo con loro.

L'attenzione di Trump è tutta e solo per le elezioni e un risultato che proprio non gli va giù. Eppure i suoi tentativi di rovesciare l'esito del voto si stanno scontrando con la realtà. Le azioni legali finora avviate non hanno portato a nessun risultato concreto. E anche il pressing sui singoli Stati si è rivelato un flop. Nonostante il riconteggio e il temporaggiamento del governatore repubblicano Brain Kemp, la Georgia ha infatti certificato i risultati del voto confermando la vittoria di Joe Biden. Un no al pressing del presidente è arrivato anche dai legislatori conservatori del Michigan: convocati alla Casa Bianca, hanno risposto picche al tentativo di Trump di capovolgere i voti dei grandi elettori. «Onoreremo il risultato del voto. Non siamo stati messi a conoscenza di nessuna informazione in grado di cambiare il risultato elettorale», hanno annunciato poco dopo l'incontro con il presidente. Due schiaffi pesanti da due Stati chiave che però ancora non fanno demordere Trump. Che ora sta provando a fare pressing sui repubblicani della Pennsylvania.

 

 

Covid, bollettino oggi 21 novembre: nuovi contagi (34.767) e morti (692) in calo. Frenano le terapie intensive

Covid, il bollettino di oggi 21 novembre 2020: sono 34.767 i nuovi casi nelle ultime 24 ore e 692 morti. I tamponi sono 237.225, frena l'aumento delle terapie intensive. E' quanto rivela il bollettino del 21 novembre diffuso dal ministero della Salute.


 

 

 

 

 

 

Video

 

Ultimo aggiornamento: 20:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA