Usa-Russia, scambio di prigionieri: rilasciato il marine Trevor Reed. Cosa significa per i rapporti tra Washington e Mosca?

Reed è stato scambiato dopo due anni di prigionia con Konstantin Yaroshenko, condannato nel 2011 a 20 anni per traffico di droga

Mercoledì 27 Aprile 2022
Usa-Russia, scambio di prigionieri: rilasciato il marine Trevor Reed. Cosa significa per i rapporti tra Washington e Mosca?

L'ex marine americano, Trevor Reed, è stato rilasciato dalla Russia dopo due anni in seguito ad uno scambio con un detenuto russo. Un risultato ottenuto dall'amministrazione Usa attraverso una trattativa difficile, come ha ammesso anche Joe Biden, ma che non cambia in nessun modo la posizione di Washington rispetto alla guerra in Ucraina né segna un progresso nei rapporti con Mosca. Del contrasto «all'aggressione ingiustificata della Russia» e del sostegno degli Alleati al popolo ucraino, il presidente americano parlerà con il premier italiano Mario Draghi nel colloquio che avranno alla Casa Bianca il 10 maggio. Reed era stato arrestato nel 2019 con l'accusa di aver aggredito due poliziotti mentre era ubriaco.

Trevor Reed rilasciato, scambio con Yaroshenko

Da mesi i genitori Paula e Joey chiedevano all'amministrazione americana di fare di più per la sua liberazione e qualche settimana fa erano stati ricevuti da Biden alla Casa Bianca. «Le nostre preghiere sono state ascoltate, Trevor sta tornando sano e salvo da noi», hanno detto i genitori dell'ex marine. Reed è stato scambiato con Konstantin Yaroshenko, condannato nel 2011 a 20 anni per traffico di droga. «Nei negoziati per il rilascio di Trevor abbiamo preso decisioni difficili», ha fatto sapere Biden ringraziando «il lavoro instancabile dell'inviato Roger Carstens e dell'ambasciatore degli Stati Uniti in Russia John Sullivan.

Il rapporto Usa-Mosca non cambia

Tuttavia, sottolinea un alto funzionario dell'amministrazione, gli Stati Uniti non si aspettano alcun miglioramento nelle relazioni con la Russia dopo la liberazione dell'ex marine e manterranno il pieno sostegno all'Ucraina nonostante lo scambio di prigionieri con Mosca. Il nostro approccio alla spaventosa violenza in Ucraina non cambierà», ha sottolineato. «Le discussioni con i russi che hanno portato a questo scambio di prigionieri erano strettamente limitate a questi argomenti, non hanno rappresentato l'inizio di una conversazione più ampia», ha detto. Concetto ribadito anche dal portavoce del dipartimento di Stato americano, Ned Price, per il quale «non c'è nessun segnale sincero da parte della Russia di voler dialogare per una soluzione del conflitto in Ucraina». Il segretario di Stato americano, Antony Blinken, ha chiesto la liberazione anche di Paul Whelan, arrestato a Mosca nel 2018 con l'accusa di spionaggio. «Siamo impegnati a garantire la libertà di tutti i cittadini statunitensi detenuti ingiustamente all'estero», ha ribadito Blinken. Oltre a lui resta in carcere in Russia la star del basket americano Brittney Griner, arrestata a febbraio con l'accusa di possesso di sostanze stupefacenti.

Ultimo aggiornamento: 18:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA