Bucha, ricompense in cambio di informazioni: 17enne ucraino accusato di tradimento

Mercoledì 20 Aprile 2022
Bucha, riceveva denaro in cambio di informazioni: minorenne accusato di tradimento

Riceveva ricompense materiali e altri privilegi dalle forze di occupazione in cambio di informazioni. Un ragazzo di 17 anni, residente nel distretto di Bucha, a nord ovest di Kiev, è sospettato di tradimento per aver collaborato con l'esercito russo. In quelle terre dove sono in corso indagini per appurare se ci sia stato un crimine contro l'umanità, visti i corpi di oltre 400 civili trovati senza vita. A dare notizia delle indagini la Procura generale di Kiev sul proprio canale Telegram.

Ucraina, l'accampamento dei soldati russi nella foresta. «Dormono sottoterra, non sono persone ma carne da cannone»

L'annuncio della Procura generale di Kiev

«Un minore residente nella regione di Kiev sarebbe sospettato di tradimento e furto segreto di proprietà altrui ai sensi della legge marziale», spiega la Procura. «Secondo l'indagine, durante l'occupazione temporanea del villaggio nel distretto di Bucha, nella regione di Kiev, un residente locale di 17 anni si è schierato volontariamente con il nemico», prosegue. Il giovane «ha fornito ai rappresentanti della Federazione Russa informazioni sugli abitanti del villaggio, sui negozi e sulle case in cui potevano essere conservati oggetti di valore, nonché altre informazioni. Per questo, il sospettato ha ricevuto ricompense materiali e privilegi dai rappresentanti delle forze di occupazione».

Zelensky: «Con le armi giuste la guerra sarebbe già finita»

L'accusa di furto

Nei confronti del 17enne sono state mosse altre accuse. «Insieme ai militari delle forze armate russe, ha fatto irruzione in una delle case del villaggio, dove hanno segretamente rubato» dei beni. Il ragazzo, secondo quanto riporta la stampa ucraina, rischia fino a 10 anni di carcere.

 

Ultimo aggiornamento: 12:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA