Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Oleg Tinkov, il miliardario russo (che vive in Italia) punito per le critiche a Putin: «Mi uccideranno? Non lo so»

Il magnate parla al New York Times: "Costretto a svendere le azioni della mia banca"

Lunedì 2 Maggio 2022
Oleg Tinkov, il miliardario russo (che vive in Italia) punito per le critiche a Putin: «Mi uccideranno? Non lo so»

Oleg Tinkov valeva più di 9 miliardi di dollari a novembre, rinomato come uno dei pochi magnati del business self-made della Russia per aver costruito la sua fortuna al di fuori delle industrie energetiche e minerarie che erano il parco giochi della cleptocrazia russa. Poi, il mese scorso, il signor Tinkov, il fondatore di una delle più grandi banche russe, ha criticato la guerra in Ucraina in un post su Instagram. Il giorno successivo - ha detto - l'amministrazione del presidente Putin ha contattato i suoi dirigenti e ha minacciato di nazionalizzare la sua banca se non avesse tagliato i legami con lui. La scorsa settimana, ha venduto la sua quota del 35% a un miliardario minerario russo, Vladimir Potanin, in quella che descrive come una "vendita disperata, una svendita" che gli è stata imposta dal Cremlino. Il magnate parla al New York Times.

Abramovich (7,6 miliardi), Mordasov e gli altri: quanto hanno perso per la guerra i miliardari russi? I conti di Forbes

La punizione di Putin

«Non ho potuto discutere il prezzo», ha detto il signor Tinkov. Ero come un ostaggio: prendi quello che ti viene offerto. Non potevo negoziare». Il signor Tinkov, 54 anni, ha parlato al telefono con il New York Times domenica, da un luogo che non avrebbe rivelato. Ha detto di aver assunto guardie del corpo dopo che amici con contatti nei servizi di sicurezza russi gli avevano detto che avrebbe dovuto temere per la sua vita, e ha scherzato dicendo che mentre era sopravvissuto alla leucemia, forse «il Cremlino mi ucciderà». Tinkov ha dichiarato di aver ricevuto solo il 3% del valore di mercato della sua quota: «Mi hanno costretto a venderla a causa delle mie dichiarazioni. L'ho venduta per un centesimo».

La sua caduta sottolinea le conseguenze che devono affrontare coloro che nell'élite russa osano opporsi al loro presidente e aiuta a spiegare perché c'è stato silenzio da parte dei leader aziendali che, secondo Tinkov, sono preoccupati per l'impatto della guerra sui loro stili di vita e i loro portafogli.
In effetti, il signor Tinkov ha affermato che molti dei suoi conoscenti nell'élite degli affari e del governo gli hanno detto in privato che erano d'accordo con lui, "ma hanno tutti paura". Nell'intervista, il signor Tinkov si è espresso più energicamente contro la guerra di qualsiasi altro importante leader d'affari russo. "Mi sono reso conto che la Russia, come Paese, non esiste più", ha detto Tinkov, prevedendo che Putin sarebbe rimasto al potere a lungo. “Credevo che il regime di Putin fosse cattivo. Ma ovviamente non avevo idea che avrebbe assunto una portata così catastrofica”.

Chi è Oleg Tinkov

Tinkoff, la banca che Tinkov ha fondato nel 2006, ha negato cioò che sostiene il magnate e ha affermato che "non c'erano state minacce di alcun tipo contro la leadership della banca". La banca, che giovedì scorso ha annunciato che Tinkov aveva venduto la sua intera partecipazione nella società a una società gestita da Vladimir Potanin, un magnate minerario vicino a Putin, ha preso le distanze dal suo fondatore. «Oleg non è stato a Mosca per molti anni, non ha partecipato alla vita dell'azienda e non è stato coinvolto in nessuna questione», ha detto Tinkoff in una nota.

Il signor Tinkov ha avuto problemi anche in Occidente. Ha accettato di pagare 507 milioni l'anno scorso per risolvere un caso di frode fiscale negli Stati Uniti. A marzo, la Gran Bretagna lo ha incluso in un elenco di sanzioni contro l'élite imprenditoriale russa. "Questi oligarchi, aziende e delinquenti assunti sono complici dell'omicidio di civili innocenti ed è giusto che ne paghino il prezzo", ha detto all'epoca il ministro degli Esteri Liz Truss. Il signor Tinkov è tuttavia ampiamente considerato come un raro pioniere degli affari russi, modellando il suo capitalismo anticonformista su Richard Branson e trasformandosi da irriverente produttore di birra a fondatore di una delle banche online più sofisticate del mondo. Dice di non aver mai messo piede al Cremlino e ha occasionalmente criticato Putin.

Il post contro la guerra

Ma a differenza dei magnati russi che anni fa hanno rotto con Putin e ora vivono in esilio, come l'ex magnate del petrolio Mikhail B. Khodorkovsky o l'imprenditore tecnologico Pavel Durov, il signor Tinkov ha trovato un modo per coesistere con il Cremlino e guadagnare miliardi. almeno fino al 19 aprile. È allora che Tinkov ha pubblicato un emozionante post contro la guerra su Instagram, definendo l'invasione "pazza" e deridendo l'esercito russo: "Perché dovremmo avere un buon esercito", ha chiesto, se tutto il resto nel paese è disfunzionale e impantanato nel nepotismo, nel servilismo e nella sottomissione?"

La vita in Italia a Forte dei Marmi

Il signor Tinkov era già fuori dalla Russia a quel punto, essendo partito nel 2019 per ricevere cure per la leucemia. Da anni, Tinkov, conosciuto dal grande pubblico del ciclismo perché è stato proprietario della squadra World Tour in cui correvano Contador, Sagan e Basso, si è trasferito in Italia, a Forte dei Marmi, dove possedeva un lussuosissimo albergo (poi ceduto a un trust a beneficio dei figli), la Datcha resort, con stabilimento annesso, Datcha beach destinati solo a vacanzieri russi (e miliardari), e da dove fa spola con la Svizzera. 

In seguito si è dimesso e ha ceduto il controllo di Tinkoff, ma ha mantenuto una partecipazione del 35% nella società, che l'anno scorso è stata valutata più di 20 miliardi di dollari alla borsa di Londra. Il giorno dopo il post del 19 aprile, ha detto il signor Tinkov domenica, il Cremlino ha contattato gli alti dirigenti della banca e ha detto loro che qualsiasi associazione con il loro fondatore era ormai un grosso problema. "Hanno detto: 'La dichiarazione del tuo azionista non è accolta e nazionalizzeremo la tua banca se non la vende e il proprietario non cambia e se non cambi il nome'", Mr. Tinkov ha detto, citando fonti di Tinkoff che ha rifiutato di identificare.

Il 22 aprile, Tinkoff ha annunciato che avrebbe cambiato nome, un passo che secondo lui era stato pianificato da tempo. Dietro le quinte, dice Tinkov, si stava affrettando a vendere la sua partecipazione, che era già stata svalutata dalle sanzioni occidentali contro il sistema finanziario russo. Il signor Tinkov ha detto di essere grato al signor Potanin, il magnate minerario, per avergli permesso di salvare almeno un po' di denaro dalla sua compagnia; ha detto che non poteva rivelare un prezzo, ma che aveva venduto al 3 per cento di quello che credeva essere il vero valore della sua quota. "Me l'hanno fatto vendere a causa delle mie dichiarazioni", ha detto il signor Tinkov. "L'ho venduto per copechi." Aveva comunque pensato di vendere la sua quota, ha detto Tinkov, perché "finché Putin è vivo, dubito che qualcosa cambierà".

«Mi uccideranno? Non lo so»

"Non credo nel futuro della Russia", ha detto. "Soprattutto, non sono disposto ad associare il mio marchio e il mio nome a un paese che attacca i suoi vicini senza alcun motivo". Il signor Tinkov è preoccupato che una fondazione da lui creata, dedicata al miglioramento della cura del cancro del sangue in Russia, possa anche diventare una vittima dei suoi problemi finanziari. Ha negato di parlare apertamente nella speranza di ottenere la revoca delle sanzioni britanniche contro di lui, anche se ha detto che sperava che il governo britannico alla fine "correggesse questo errore". Ha detto che la sua malattia - ora soffre di una malattia che è una complicazione del trapianto di cellule staminali - avrebbe potuto renderlo più coraggioso nel parlare apertamente rispetto ad altri dirigenti d'azienda e alti funzionari russi. I membri dell'élite, ha affermato, sono "scioccati" dalla guerra e lo hanno chiamato in gran numero per offrire supporto.
"Capiscono che sono legati all'Occidente, che fanno parte del mercato globale e così via", ha detto Tinkov. "Sono veloci, veloci nell'essere trasformati in Iran. Ma a loro non piace. Vogliono che i loro figli trascorrano le vacanze estive in Sardegna”. Il signor Tinkov ha detto che nessuno del Cremlino lo aveva mai contattato direttamente, ma che oltre alle pressioni sulla sua compagnia, aveva sentito da amici con contatti dei servizi di sicurezza che poteva essere in pericolo fisico. "Mi hanno detto: 'La decisione riguardo a te è stata presa'", ha detto. “Se questo significhi che oltre a tutto mi uccideranno, non lo so. Non lo escludo".

Ultimo aggiornamento: 14:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA