Collisione navi in Corsica: chiazza nera di 20 km quadrati. Santuario cetacei a rischio

Lunedì 8 Ottobre 2018
Collisione navi in Corsica: chiazza nera di 20 km quadrati. Santuario cetacei a rischio

La chiazza di carburante che si è creata a nord della Corsica dopo lo scontro tra due navi è sotto controllo: c'è una sostanziale stazionarietà dell'inquinante presente in mare. La Francia e l'Italia hanno circoscritto l'enorme chiazza di idrocarburi e assieme hanno avviato le operazioni di pulizia della marea nera che dureranno alcuni giorni. La scia di olio si è allungata per una ventina di chilometri al largo di Capo Corso, e si è allargata anche di 300 metri per un totale di diverse centinaia di metri cubi. Mentre anche la Commissione europea segue e monitora la vicenda insieme all'Agenzia europea per la sicurezza marittima, il ministro francese per la Transizione Ecologica, Francois De Rugy, ha rassicurato sul fatto che la situazione è sotto controllo.

LEGGI ANCHE Collisione nel Tirreno tra due mercantili. Paura disastro ambientale nel santuario dei cetacei

L'assessorato all'Ambiente della Regione Liguria, da parte sua, monitora la macchia in mare per verificare eventuali ricadute e avvicinamenti alla costa. Ma un allarme arriva da Greenpeace per il Santuario internazionale dei Cetacei (il triangolo di mare racchiuso tra Nord della Sardegna, Corsica, Toscana e Liguria, fin quasi a Tolone, in Francia) dove ricorda «sono stati osservati sia la balenottera comune che il capodoglio».

 

 


L'incidente, avverte la ong, rende non più rinviabile introdurre «norme precise sulla protezione e sulla tutela del Santuario». Sotto il coordinamento delle autorità francesi e in applicazione del piano d'intervento RamogePol (tra Francia, Italia e Principato di Monaco per la lotta contro gli inquinamenti marini accidentali nel Mediterraneo) la Guardia Costiera italiana continua il monitoraggio dell'area con mezzi aerei e navali (anche una motovedetta 409 con speciali apparecchiature per verifiche ambientali) per conto del ministero dell'Ambiente per la messa in sicurezza del tratto di mare.

E prosegue il recupero dell'olio in mare da parte di uno dei tre mezzi antinquinamento della società consortile Castalia, convenzionata con il ministero dell'Ambiente. Per ricostruire l'accaduto e capire le ragioni e le responsabilità della collisione, vengono acquisiti elementi di carattere tecnico e strutturale sulle due unità coinvolte nel sinistro avvenuto a 15 miglia a nord di Capo Corso fra la motonave tunisina Ulisse, che trasportava camion e auto, e la motonave portacontainer Cls Virginia, battente bandiera cipriota da cui si è sversato il carburante. Si monitorano con attenzione anche le condizioni meteo-marine e le loro previsioni per comprendere la possibile evoluzione della macchia inquinante e pianificare le attività di emergenza. Sono previsti nei prossimi giorni corrente e vento verso la Corsica.

Ultimo aggiornamento: 20:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA