I servizi russi scambiano il gioco "The Sims" con le schede Sim durante l'arresto di neo-nazisti accusati di omicidio

Secondo alcune ipotesi si tratterebbe di un complotto contro Kiev, organizzato male

Martedì 26 Aprile 2022
I servizi russi scambiano il gioco "The Sims" con le schede Sim durante l'arresto di neo-nazisti accusati di omicidio

I servizi russi hanno diffuso le foto di un'operazione speciale, durante la quale sono riusciti ad arrestare sei neonazisti che «complottavano per uccidere il conduttore televisivo russo Vladimir Solovyov a Mosca». Tra gli oggetti confiscati, sono saltate agli occhi alcune copie del celebre gioco "The Sims", che alcuni ipotizzano siano state scambiate dagli ufficiali del Cremlino per schede SIM.

Secondo la polizia federale russa (FSB), il piano per uccidere il conduttore sarebbe stato escogitato in coordinamento con i servizi di sicurezza ucraini. I particolari oggetti sequestrati, hanno fatto però pensare a un complotto organizzato in "false flag" dalla Russia stessa, così da puntare il dito contro Kiev.

 

Russia, in Ucraina in due mesi morti 15mila soldati. «Le stesse perdite in nove anni di guerra in Afghanistan»

Nucleare, chi ha più armi: la Russia la più potente ma gli Usa spendono di più

 

La discussione su Twitter

Il caso, ripreso poi dal "NY Post", è stato discusso ampiamente su Twitter. Tra le risposte, anche quella di Eliot Higgins, il fondatore del gruppo di ricerca investigativa Bellingcat, che negli ultimi anni si è concentrato sull'intelligence russa e sulle operazioni militari. Higgins è d'accordo con chi pensa a un'operazione mal organizzata dai servizi russi, che volevano accusare l'Ucraina. «Credo sinceramente che questo sia uno stupido ufficiale dell'FSB a cui è stato detto di ottenere 3 SIM», ha twittato. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA