Putin, l'ex capo dei servizi inglesi: «Lo Zar cadrà entro il 2023, poi verrà ricoverato in una struttura per malati»

Sir Richard Dearlove: "Questo è l'unico modo per far uscire Putin dal potere senza un colpo di stato"

Lunedì 23 Maggio 2022 di Mario Landi
Putin, l'ex capo deri servizi inglesi: «Cadrà entro il 2023, poi verrà ricoverato in una struttura per malati»

L'ex capo dell'intelligence britannica ha previsto che il presidente russo Vladimir Putin sarà «fuori dal potere» entro il prossimo anno - quindi nel 2023 - e che finirà i suoi giorni in una struttura medica per «malattie a lungo termine». Sir Richard Dearlove è stato a capo del servizio segreto di intelligence della Gran Bretagna, noto anche come MI6, dal 1999 al 2004. Così, il dirigente ha voluto fare le sue previsioni sulla "fine" di Putin mercoledì scorso, durante un episodio del podcast One Decision, di cui è co-conduttore.

«Penso che Putin se ne andrà entro il 2023. Ma probabilmente in una Rsa, dal quale non emergerà come il leader della Russia», ha detto, aggiungendo che il ricovero sarebbe un modo per far uscire Putin dal potere «senza un colpo di stato».

 

La previsione di Dearlove è in linea con altri recenti rapporti che suggeriscono che Putin sia malato e che potrebbe presto perdere il potere. Christo Grozev di Bellingcat, un esperto di sicurezza russa, ha spiegato la scorsa settimana che i massimi funzionari della sicurezza del Cremlino credono che la guerra in Ucraina sia «persa e che Putin stia perdendo il potere». Il capo dell'intelligence militare ucraina, il generale Kyrylo Budanov, ha detto a Sky News la scorsa settimana che Putin era «in pessime condizioni psicologiche e fisiche ed è molto malato». Budanov si è anche detto «ottimista» che l'Ucraina avrebbe prevalso e che la guerra sarebbe «finita entro la fine dell'anno».

Putin, Oliver Stone: «Ha già avuto il cancro». La rivelazione del regista che ha intervistato lo zar

Putin, dai nemici al veleno: lo zar solo con le sue paranoie. «Sembra Hitler nel bunker»

 

L'ex spia britannica Christopher Steele ha recentemente detto che alcune sue fonti gli hanno fatto sapere che Putin è gravemente malato e lascia regolarmente le riunioni per cure mediche, contribuendo al «crescente disordine al Cremlino». Steele, che ha guidato per anni la scrivania dell'MI6 sulla Russia, ha compilato il famigerato dossier Trump-Russia, gran parte del quale è stato screditato.

 

 

Ultimo aggiornamento: 24 Maggio, 17:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA