Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Putin, il piano segreto per ritrattare le sanzioni. Il professore di Yale: «Vuole una carestia globale»

Lo storico Timothy Snyder, professore all'università di Yale fa luce sulle possibili intenzioni del Cremlino

Lunedì 13 Giugno 2022
Putin, il piano segreto per far ritirare le sanzioni: «Una "carestia globale" per mettere in ginocchio l'occidente»
1

Venti tonnellate di grano sono ferme nel porto di Odessa bloccate dai russi. Dietro c'è il piano di Putin per costringere l'occidente a ritirare le sanzioni contro la Russia. Come? Provocando una diffusa carenza di cibo nel mondo e mettendo sotto pressione l'Europa con un'ondata migratoria senza precedenti. È l'ipotesi sostenuta dallo storico Timothy Snyder, professore all'Università di Yale.

 

Putin vuole scatenare una carestia globale 

Snyder evidenzia le conseguenze che il blocco del grano ucraino potrebbe avere a livello europeo e mondiale. L'Ucraina è uno dei principali produttori di grano, rifornisce principalmente paesi del Medio Oriente e dell'Asia. In questi paesi il blocco dei rifornimenti da Kiev potrebbe causare una vera e propria carenza di cibo con effetti ampi sulla popolazione: «Quando inizieranno le rivolte per il cibo, e con il diffondersi della fame, la propaganda russa incolperà l'Ucraina e chiederà il riconoscimento delle conquiste territoriali della Russia in Ucraina e la revoca di tutte le sanzioni» afferma Snyder. 

La negoziazione con le Nazioni Unite 

Le Nazioni Unite stanno negoziando con la Russia per consentire di esportare le forniture di grano ucraino, che attualmente sono bloccate nei porti. La perdita delle esportazioni dal Paese ha già aumento la carenza di cibo in alcune aree del mondo. Tuttavia gli Stati Uniti sono scettici sulle intenzioni della Russia nei negoziati, anche perchè Mosca ha più volte preso di mira e distrutto forniture alimentari.  «È difficile vedere le offerte russe in buona fede, considerando come stanno attivamente e intenzionalmente distruggendo i prodotti alimentari in Ucraina e aggravando l'insicurezza alimentare globale», ha detto a Politico la scorsa settimana un funzionario statunitense. Insomma Putin sembra deciso a continuare il suo piano. 

Ultimo aggiornamento: 14 Giugno, 09:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA