Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Droni kamikaze Zala KYB, l'ultima arma di Putin: il video dell'attacco agli ucraini

Il video mostra il momento dell'attacco a un convoglio militare ucraino

Sabato 21 Maggio 2022 di Alessandro Rosi
Putin schiera i droni kamikaze Zala KYB per distruggere le armi fornite dagli Stati Uniti

Putin schiera tutte le armi possibili per cercare di vincere la guerra in Ucraina. Ora è il turno dei droni kamizaze Zala KYB. Un filmato dell'esercito russo, diffuso attraverso i social, mostra quello che sembrerebbe essere un attacco a un convoglio militare ucraino attraverso un aeromobile pilotato da remoto. Una nuova arma che sarebbe stata utilizzata nell'Ucraina orientale. 

Guerra nucleare, Putin testa il "Chernobyl volante: il missile che può colpire a distanza illimitata (anche gli Stati Uniti)

Droni kamikaze russi, la nuova tecnologia

Il drone kamikaze è chiamato "Zala KYB" ed è prodotto da una sussidiaria del gruppo russo Kalashnikov. Il video dissuso sui social mostra il momento dell'attacco a un convoglio militare ucraino. Si avvicina rapidamente agli obici M777 da 155 millimetri che gli Stati Uniti hanno fornito agli ucraini. Ma l'attacco dell'esercito russo con il drone "Zala KYB" pare sia fallito. Si dice che sia esploso a dieci metri dal cannone ucraino. Ma la registrazione mostra ancora una volta che l'esercito russo ha nel suo arsenale alcune armi moderne, anche se non ancora precise: perché spesso, come stavolta, mancano i loro bersagli.

Il video dell'attacco

La clip, condivisa anche da un probabile account Telegram filo-russo che presenta una “Z” nell’immagine del profilo, è stata ripubblicato su Twitter di Rob Lee, un dottorato di ricerca studente al Dipartimento di studi sulla guerra della King’s College University di Londra. Il ricercatore ritiene che l’attacco possa essere stato condotto con uno Zala KYB-UAV, noto anche come KUB-BLA, un drone suicida prodotto da una sussidiaria del gruppo russo Kalashnikov. Nel video, il KUB-BLA sembra cadere a una piccola ma significativa distanza dall’obice, costringendo una truppa a terra a spostarsi mentre la munizione esplode. Poiché il video non può essere confermato in modo indipendente, non è chiaro se le truppe siano state ferite durante l’attacco o quale sia stato il danno alle attrezzature.

Per gli ucraini «attacco fallito»

Il video è stato anche prelevato dall’account Twitter @UAWeapons, che ha monitorato l’uso di armi militari in Ucraina dall’inizio della guerra. Secondo il resoconto, l’attacco ha causato “al massimo lievi danni” a causa della “distanza dell’impatto e del debole carico utile dell’esplosivo”.

 

La risposta della Russia

La Russia, invece, afferma di aver distrutto un obice M77 di fabbricazione statunitense utilizzato dalle truppe ucraine. Un altro video non verificato condiviso da un account militare filo-russo di Telegram ha affermato che la stessa area è stata colpita dal fuoco dell’MLRS, distruggendo una batteria di obice americano M777. Ma Ukraine Weapons Tracker sottolinea che in questo filmato successivo non sono stati visti obici.

Ultimo aggiornamento: 23 Maggio, 14:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA